it Italiano
it Italiano

Austria – Scheda Paese

Austria – Scheda Paese

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Bandiera Austria
Mappa Austria
Dati O.M.S. e AGGIORNAMENTO COVID-19 al 15/01/2022

Normativa per l’ingresso in Austria da Paesi terzi dal 20 dicembre 2021al 31 gennaio 2022

1. Ingresso dai Paesi NON considerati aree di diffusione delle varianti del virus.
In provenienza dall’Italia e da tutti i Paesi non considerati a rischio varianti (leggasi tutti i Paesi tranne quelli indicati al punto 2, vd. Infra), è richiesto, ai fini dell’ingresso in Austria:
–  certificato vaccinale valido o prova di guarigione dal Covid negli ultimi 6 mesi. E’ inoltre necessario in aggiunta, per evitare la quarantena, un test molecolare PCR con esito negativo effettuato nelle 72 ore precedenti.
In assenza di tale test, occorre avviare immediatamente una quarantena fiduciaria che può essere interrotta non appena si possa esibire un test PCR molecolare negativo.
Chi è tenuto alla quarantena è tenuto altresì alla preregistrazione on line del viaggio, al sito https://entry.ptc.gv.at/ .
Sono esonerati dal test (e da ogni quarantena) coloro che hanno già ricevuto il richiamo del vaccino (c.d. “booster”) o che possono dimostrare di essere guariti da infezione COVID negli ultimi 90 giorni; sono considerati inoltre “booster” la guarigione da Covid-19 + due dosi di vaccino (tra guarigione e prima dose di vaccino devono essere trascorsi 21 giorni) oppure il ciclo completo di vaccinazione (p.es. 2 dosi Pfizer/Moderna, 1 dose Johnson) e la successiva infezione e guarigione da Covid-19;
Se sprovvisti di certificato vaccinale o di guarigione validi, i cittadini e residenti UE-SEE possono entrare nel Paese ma devono sottoporsi a quarantena.  Anche in tal caso, chi è tenuto alla quarantena deve altresì provvedere alla preregistrazione on line del viaggio, disponibile sul sito https://entry.ptc.gv.at/ (v. infra).  La quarantena (o isolamento fiduciario) per questo specifico caso ha durata di 10 giorni, ma può essere interrotta a seguito di test molecolare con esito negativo da effettuare non prima di 5 giorni dopo l’ingresso nel Paese.
Restano invariate le regole per i pendolari e per le donne incinte, che sono esonerate dall’obbligo di vaccino. I minori di 12 anni, cui non è richiesto né test né vaccino, continuano ad essere associati ai genitori o agli adulti che li accompagnano: saranno tenuti all’isolamento fiduciario ed alla preregistrazione del viaggio se lo è lo adulto che li accompagna.

2. Ingresso dai Paesi considerati aree di diffusione delle varianti del virus (regime applicabile anche a coloro che sono stati negli stessi Paesi nei dieci giorni precedenti).
– Angola, Botswana, eSwatini, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Zambia, Zimbabwe e Sud Africa. Da questi Paesi vige un divieto di atterraggio dei voli.
–  Regno Unito, Paesi Bassi, Danimarca, Norvegia. Da questi Paesi non vige un divieto di atterraggio dei voli.
L’ingresso in Austria da tutti i Paesi sopra indicati è consentito solo in virtù di particolari motivazioni e, inoltre, sempre ai cittadini austriaci/UE SEE e residenti UE-SEE (o di Svizzera, Regno Unito, Andorra, Principato di Monaco, San Marino e Vaticano) e loro familiari conviventi.
I viaggiatori in provenienza dai Paesi sopra indicati e che rientrino nelle categorie precedentemente elencate, per l’ingresso in Austria, devono presentare un certificato 2G o altra certificazione medica equiparabile  e, in aggiunta, un test molecolare PCR negativo effettuato nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Austria (calcolate a partire dal momento della raccolta del campione). Si è esenti da test PCR quando si è provvisti di vaccino booster.  Tali viaggiatori devono inoltre effettuare la preregistrazione di viaggio e sottoporsi ad un isolamento fiduciario di 10 giorni, che può essere interrotto a condizione che si sia in possesso di un ulteriore test molecolare PCR negativo da effettuare non prima di 5 giorni dopo l’ingresso nel Paese.
Eccezioni al divieto di ingresso riguardano, fra gli altri, personale delle missioni diplomatiche e consolari nonché i loro familiari conviventi; dipendenti delle OO.II e i loro familiari conviventi; operatori umanitari; dipendenti di enti austriaci in missione all’estero; persone che devono fare ingresso in Austria per motivi di lavoro, di salute, studio o ricerca; persone che devono entrare in Austria per importanti ragioni familiari
Sono esentate dalla quarantena e dall’obbligo di preregistrazione le persone provviste di booster e inoltre di test negativo eseguito nelle 48 ore precedenti l’ingresso.
I membri del personale diplomatico accreditato in Austria e loro familiari conviventi provvisti di adeguato documento di autenticazione, coloro che si recano in visita ad una missione internazionale con sede in Austria per ragioni professionali, le persone che devono entrare in Austria per un obbligo imposto da un tribunale o da un’autorità austriaca o per motivi imprevedibili, non rimandabili ed essenziali in ambito familiare sono sempre esenti da quarantena, ma devono rispettare le altre regole poste a condizione dell’ingresso in Austria e sono tenuti alla preregistrazione.
I membri del personale diplomatico accreditato in Austria e loro familiari conviventi provvisti di adeguato documento di autenticazione, le persone che arrivano in Austria per assumere servizio presso missioni diplomatiche e consolari o organizzazioni internazionali, i loro familiari conviventi e coloro che si recano in visita ad una missione internazionale con sede in Austria per ragioni professionali, al pari delle donne incinte e di coloro che non possono ricevere il vaccino per ragioni mediche, possono inoltre entrare nel Paese anche senza certificato 2G, ma è comunque necessario il test PCR effettuato nelle 72 ore precedenti (se non hanno ricevuto il booster vaccinale) e la preregistrazione.
PERSONE IN TRANSITO
Il transito attraverso l’Austria senza effettuare fermate intermedie/ assicurando l’immediata ripartenza è di norma consentito, senza obbligo di registrazione, di test o altra certificazione e di quarantena.
RIDUZIONE DEL TRAFFICO AEREO E FERROVIARIO
Si segnala una riduzione del traffico aereo e ferroviario fra Italia ed Austria, anche a seguito della contrazione della domanda dovuta alla pandemia in atto. Possono essere disposte cancellazioni di tratte aeree e ferroviarie, anche con scarso preavviso. Si raccomanda pertanto di consultare sempre il sito della compagnia aerea di riferimento per l’operatività del volo e il sito delle ferrovie austriache, https://www.oebb.at/ (disponibile anche in italiano https://www.obb-italia.com/it/) per gli spostamenti in treno.

                                                  
                                                    Presso il CESMET Clinica del Viaggiatore si effettuano:

Tamponi Molecolari RT-PCR con risposta a 6h / 12h / 24h /48h, con certificazione medica COVID FREE in lingua inglese;
Tamponi Antigenici con risposta a vista con certificazione medica COVID FREE in lingua inglese, con le seguenti caratteristiche: specificità 99.5%, sensibilità 94.5%, affinità 94%)
Test Sierologici per IgM, IgG per SARS-CoV-2 qualitativi e quantitativi;
– certificazione FIT TO FLY per compagnie aree e paesi richiedenti;

Vengono anche rilasciati i seguenti certificati medici infettivologici, validi seconda indicazione di legge:

1) certificato medico di avvenuta vaccinazione; con valutazione clinica e certificazione di assenza di sintomi da Covid-19
2) certificato medico di avvenuta malattia da Covid-19; con valutazione clinica e certificazione di assenza di sintomi da Covid-19;
3) certificato medico di pregressa infezione da SARS-CoV-2 con positività esame sierologico e presenza di IgG; con valutazione clinica di assenza di sintomi da Covid-19;
4) certificato medico di effettuazione tampone molecolare

 

INGRESSO/RIENTRO in Italia – dal 16 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022

La disciplina prevista in base all’Ordinanza 22 ottobre 2021 è stata modificata dal Ministro della Salute con Ordinanza 14 dicembre 2021.

INGRESSO SENZA OBBLIGO DI ISOLAMENTO FIDUCIARIO

Dal 16 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022, in caso di soggiorno o transito dai Paesi dell’elenco C nei quattordici (14) giorni precedenti, è possibile entrare/rientrare in Italia senza obbligo di isolamento fiduciario solo in presenza di tutte le condizioni seguenti:

  • Compilare e presentare al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, un formulario on-line di localizzazione (denominato anche digital Passenger Locator Form – dPLF), che potrà essere visualizzato sul proprio dispositivo mobile o stampato, in versione cartacea.
  • Presentare al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, il risultato di un test antigenico rapido o molecolare, condotto con tampone e con esito negativo. Il test molecolare può essere effettuato nelle 48 (quarantotto) ore precedenti l’arrivo in Italia, il test antigenico nelle 24 (ventiquattro) ore precedenti l’arrivo in Italia;
  • Presentare al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, una Certificazione Verde Covid-19 o altra certificazione equipollente, da cui risulti, alternativamente:
    • avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2,  con  attestazione  del completamento del prescritto ciclo vaccinale da almeno  quattordici giorni;
    • avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale  cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2.

INGRESSO CON OBBLIGO DI ISOLAMENTO FIDUCIARIO

Nel caso in cui l’ingresso in Italia avvenga senza la presentazione di una delle certificazioni (vaccinazione, guarigione) precedentemente indicate, è fatto obbligo di:

  • Presentare al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, il risultato di un test antigenico rapido o molecolare, condotto con tampone e con esito negativo. Il test molecolare può essere effettuato nelle 48 (quarantotto) ore precedenti l’arrivo in Italia, il test antigenico nelle 24 (ventiquattro) ore precedenti l’arrivo in Italia;
  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di cinque (5) giorni, presso l’abitazione o la dimora, informando il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio;
  • Effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento fiduciario.

Sono previste deroghe a tali obblighi. Le deroghe sono riportate nella sezione dedicata.

INGRESSO DI MINORI

Oltre a eventuali casi di deroga espressamente previsti dalla normativa (vedere Deroghe):

  1. Test molecolare o antigenico
  • Da 0 a 5 anni (quindi fino a 6 anni non compiuti): sempre esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico.
  • Da 6 a 17 anni (quindi 18 anni non compiuti): tampone obbligatorio, se previsto dalla normativa applicabile in base alla storia di viaggio nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia.
  1. Isolamento
  • Da 0 a 5 anni (quindi fino a 6 anni non compiuti): sempre esentati dall’isolamento se viaggiano con genitore a sua volta esentato dall’isolamento perché in possesso di certificato di vaccinazione (o di un certificato di guarigione, se riconosciuto dalla normativa applicabile in base alla storia di viaggio dei 14 giorni precedenti).
  • Da 6 a 17 anni (quindi 18 anni non compiuti), sono esentati dall’isolamento se accompagnati da genitore con adeguata certificazione vaccinale o di guarigione (se ciò è previsto dalla normativa applicabile in base alla storia di viaggio nei 14 giorni precedenti). Tuttavia, ove richiesto dalla normativa, devono sottoporsi a test molecolare o antigenico. In assenza di test, anche se il genitore possiede adeguata certificazione, il minore è comunque tenuto all’isolamento (art. 8 comma 3 Ordinanza 22 ottobre 2021).

Clima, meteo e salute

  • Clima: Caratteristico dell’Austria è il clima di transizione dell’Europa centrale influenzato dall’Atlantico. Gran parte dell’Austria è esposta a venti dominanti da Ovest e Nord-Ovest. L’escursione termica fra il giorno e la notte e fra l’estate e l’inverno è inferiore nell’Austria occidentale rispetto alle regioni orientali del Paese. Ovunque sono abbondanti le precipitazioni atmosferiche, che quantitativamente decrescono in misura costante man mano che ci sposta verso Est. In Austria si distinguono tre diverse zone climatiche: le regioni orientali sono caratterizzate dal clima continentale pannonico (la media di luglio supera di solito i 19°C; le precipitazioni annue sono spesso inferiori agli 800 mm ), le regioni interne montagnose sono influenzate dal clima alpino (precipitazioni abbondanti, brevi estati e lunghi inverni), mentre le aree restanti del territorio presentano il clima di transizione caratteristico dell’Europa centrale: umido e temperato (la media di luglio è fra i 14 e i 19°C; le precipitazioni annue vanno da 700 a 2000 mm a seconda della latitudine), dell’esposizione e dell’altitudine.

Prevenzione e profilassi

Vaccinazioni obbligatorie

  • NESSUNA

    Non ci sono vaccinazioni obbligatorie per entrare nel paese.

     Agosto 2017

Vaccinazioni consigliate

  • ENCEFALITE DA ZECCHE (TBE)

    TBE – ENCEFALITE DA ZECCHE Grazie alla copertura vaccinale della popolazione, l’incidenza della TBE negli ultimi anni è apparsa in costante declino. Nel periodo 2004/2009 sono stati notificati 272 casi compresi 8 decessi, con una media di 54 casi/anno, il 10% delle cifre registrate nell’era pre – vaccinale

  • EPATITE A

  • EPATITE B

  • TETANO

  • VACCINAZIONI DI ROUTINE

    Assicurati di aver effettuato tutte le vaccinazioni previste dal Sistema Sanitario Nazionale. Queste prevedono: tetano, difterite, polio, pertosse, haemophilus B, epatite B, morbillo, parotite, rosolia, varicella.

Alert sanitari

Al momento non sono stati emanati bollettini da strutture competenti in merito ad emergenze sanitarie di rilievo.

Invitiamo comunque i Viaggiatori a consultare personale sanitario esperto in Medicina dei Viaggi prima di intraprendere il viaggio e recarsi nel paese.

Dossier sanitari

Consulta il tuo “cruscotto utente” per l’elenco dei dossier disponibili per questo paese.

Malattie prevalenti sul territorio

Al momento, non sono registrate endemie per questo paese.

Pillole di salute

  • Come evitare di ammalarsi

    Dai tempo al tuo organismo di ambientarsi al nuovo clima ed al nuovo ambiente. Prima del viaggio, se possibile, dedica alcune ore alla attività fisica, e abitua il tuo organismo ai nuovi ritmi durante il viaggio…leggi tutto

  • Zanzare & co. – Come proteggersi

    • le  zanzare che trasmettono malattie diverse dalla malaria sono attive durante il giorno ed ovunque vi sia una raccolta di acqua dolce: indossare abiti di colore chiaro, lunghi e con maniche larghe, pantaloni lunghi e larghi, di colore chiaro, magliette o camicie con maniche lunghe e larghe e di colore chiaro da infilare nella cintura dei pantaloni….

    leggi tutto

  • In valigia

    Montagna o mare, safari e avventura o vacanza di tutto riposo, caldo o freddo: devi preparare il tuo bagaglio  con cura, attenzione, senza esagerare e soprattutto prevedendo ……l’imprevedibile. Abbigliamento appropriato al clima   e non dimenticando mai una piccola farmacia da viaggio.

  • Al rientro a casa

    Quando rientri da un viaggio ricorda di prenderti una pausa di un tempo sufficiente per riadattare il tuo organismo al tuo ambiente ed ai tuoi ritmi di vita. Stanchezza, malessere, senso di vuoto, scarsa capacità alla concentrazione….

    leggi tutto

Informazioni generali

Capitale: Vienna

Lingua:  Tedesco

Moneta: Euro

Fuso orario: +1 ora rispetto all’Italia (+2 ore quando in Italia vige l’ora legale ).  UTC +1

Storia,Economia,Cultura:http://www.britannica.com https://www.cia.gov

Sicurezza: www.viaggiaresicuri.it www.dovesiamonelmondo.it

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e