it Italiano
it Italiano

Epatite B – Vaccinazione

Epatite B – Vaccinazione

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Aggiornato a Agosto 2019

Presso il Servizio di Vaccinazioni Internazionali CESMET è disponibile il vaccino contro l’Epatite Virale tipo B , iniettivo. Prenota il tuo vaccino contro l’epatite Virale di Tipo B, e  viaggia tranquillamente in qualsiasi paese del mondo evitando il contagio attraverso sangue, ferite, ferri chirurgici se peer caso ti fai male e devi mettere un punto. In caso di rapporti sessuali con partner occasionali.

Per informazioni sui costi e per prenotare la vaccinazione è possibile mandare una mail ad ambulatorio@cesmet.com  oppure telefonare al numero 06.39030481 . Chiedi la consulenza con i medici infettivologi del centro per una maggiore conoscenza della vaccinazione e per conoscere la situazione sanitaria della destinazione del tuo viaggio. Proteggiti anche per i tuoi viaggi sul territorio Italiano e nei paesi del Mediterraneo.

La vaccinazione non è obbligatoria per regolamento internazionale dell’OMS. Nessun paese richiede prova di vaccinazione contro l’epatite virale quale condizione per entrare. Si consiglia la somministrazione del vaccino a tutti coloro che si recano in paesi iperendemici in particolare in paesi della fascia tropicale e subtropicale, dei paesi dell’Est Europeo, e del Bacino del Mediterraneo. E’ opportuno che tutti coloro che si recano per motivi di lavoro e per periodi prolungati effettuino la vaccinazione.

VACCINAZIONE

Composizione:
Il vaccino attualmente in uso, prodotto con tecniche di ingegneria genetica, è efficace e privo di rischi. E’ adsorbito ad alluminio idrossido gel.

Indicazioni:

E’ obbligatoria in Italia dal 1991 per tutti i nuovi nati e per gli adolescenti nel corso del 12° anno.

Il vaccino viene inoltre fornito ai soggetti delle seguenti categorie a rischio (D.M 4.10.1991):

  • Conviventi, in particolare bambini, e altre persone a contatto con soggetti HBsAg positivi.
  • Politrasfusi, emofilici, emodializzati.
  • Vittime di punture accidentali con aghi potenzialmente infetti.
  • Soggetti affetti da lesioni croniche eczematose e psoriasiche della cute delle mani.
  • Detenuti negli Istituti di prevenzione e pena.
  • Persone che si rechino all’estero, per motivi di lavoro, in aree geografiche ad alta endemia di HBV.
  • Tossicodipendenti, omosessuali e soggetti dediti alla prostituzione.
  • Personale sanitario di nuova assunzione nel SSN e personale già impegnato in attività a maggior rischio di contagio, segnatamente che lavori in reparti di emodialisi, rianimazione, oncologia, chirurgia generale e specialistica, ostetricia, malattie infettive, ematologia, laboratori di analisi, centri trasfusionali, sale operatorie, studi dentistici, medicina legale e sale autoptiche, pronto soccorso.
  • Soggetti che svolgono attività di lavoro, studio e volontariato nel settore della sanità.
  • Personale e ospiti di istituti ritardati mentali.
  • Personale religioso che svolge attività nell’ambito dell’assistenza sanitaria.
  • Personale addetto alla lavorazione degli emoderivati.
  • Personale della Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo degli agenti di custodia, Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, Comandi Municipali dei Vigili Urbani.
  • Addetti ai servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti.

Efficacia:
80-95%;

Durata:
10 anni

Modalità di somministrazione:
Viene somministrato per via i.m. nella parte antero-laterale della coscia del lattante, e nel deltoide al di sopra dei 10 anni.

Effetti collaterali:

  •  Locali: eritema, tumefazione, prurito, dolore in sede di iniezione (idrossido di alluminio), di lieve durata,
  • Generali: (circa 5%). Febbre, cefalea, nausea, vertigini, mialgie, dolori articolari, di breve durata.

Controindicazioni:
Oltre a quelle generiche vi è in particolare:

  •  L’ipersensibilità accertata verso i componenti del vaccino; Si può somministrare in gravidanza in caso di rischio alto.

Calendario:

  • Per i neonati:Prima dose 3° mese; Seconda  dose 5° mese; Terza dose 11° mese, sempre contemporaneamente alle altre vaccinazioni obbligatorie (OPV, DTP). Per i nati da madre HbsAg positiva è prevista oltre alle precedenti dosi una 1° dose alla nascita contemporaneamente alla somministrazione di Immunoglobuline in altra sede.
  • Per tutti gli altri soggetti: 1° dose tempo 0; 2° dose dopo un mese; 3° dose dopo 6-12 mesi. Un calendario abbreviato (1° dose tempo 0, 2° dose dopo 7 giorni, 3° dose dopo 21 giorni  e 4° dose 12 mesi dopo la prima dose) può essere usato nel caso sia necessaria una immunizzazione rapida (es. Viaggiatori).

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e