Chi deve vaccinarsi per la febbre gialla

Chi deve vaccinarsi per la febbre gialla

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

La vaccinazione contro la Febbre Gialla o Vaccino Antiamarillico, malattia virale acuta, che si trasmette tramite puntura di zanzara, è l’unica pratica preventiva che può essere richiesta obbligatoriamente dalle autorità sanitarie di un Paese per poter entrare attraverso i valichi di frontiera. Questa evenienza si verifica indipendentemente dalla presenza di casi manifesti o focolai epidemici della malattia, ma è una disposizione internazionale voluta per evitare il diffondersi della malattia quando nel Paese è comunque presente l’insetto vettore (Aedes aegypti) L’esempio sono i paesi asiatici dove è assente il virus ma è presente il vettore. Ricordiamo che Febbre Gialla è una zoonosi (malattia degli animali) che può essere trasmessa all’uomo attraverso la puntura della zanzara del tipo Aedes.

Per questo motivo la vaccinazione, in alcuni casi viene resa obbligatoria, ed in ogni caso è caldamente consigliata in quei paesi dove il virus è presente con il vettore. E’ necessario, prima di partire per un paese considerato a rischio, che ti informi sul Regolamento Internazionale adottato in merito. Indipendentemente da ciò, comunque, è bene che verifichi con gli esperti dove esiste un rischio reale di infezione o dove è probabile la presenza di animali infetti e quindi in quali casi è consigliato effettuare la vaccinazione prima di partire. Attualmente le aree a rischio di trasmissione sono situate in America Centrale e Meridionale, nonché in molti paesi dell’Africa. In Asia non è segnalata la presenza di questo virus.

La vaccinazione è

  • priva di rischi
  • raramente produce un rialzo febbrile a distanza di 24 ore al massimo, facilmente controllabile con antipiretici
  • E’ sconsigliata ai soggetti allergici alle proteine delle uova.
  • Può essere somministrata ad iniziare dall’età di 6 mesi.
  • Utilizzo in gravidanza: sconsigliato.

Periodo di attività del virus vivo attenuato una volta iniettato con il vaccino

48/72 ore per effetto della formazione degli anticorpi anti virus (neutralizzanti il virus). Questo dato risponde alla leggenda metropolitana che vuole l’azione nociva del “virus vivo attenuato” presente nel vaccino, attiva per 3 o addirittura 6 mesi (non si può concepire  per questo periodo di tempo). Si ribadisce che già dopo 2 giorni il virus viene neutralizzato. La sua azione quindi sul prodotto del concepimento è praticamente inesistente. Quindi a tutte le donne che ritengono di poter rimanere incinte nell’immediato futuro, dopo la vaccinazione, è possibile vaccinarsi senza problema.

Per conoscere la malattia consulta la nostra scheda malattia sulla Febbre Gialla

Per conoscere le caratteristiche della vaccinazione visita la nostra scheda vaccinazione sulla Febbre Gialla

Se vuoi richiedere ulteriori informazioni, contattaci via e-mail oppure telefona al numero  06/39030481

 

Per tutte le urgenze mediche puoi contattare il Call Center Travel Health, attivo 24 ore su 24 al numero 06/43236290

error: Il contenuto di questo sito è protetto!