it Italiano
it Italiano

Thailandia – Scheda Paese – Aggiornamento Covid-19

Thailandia – Scheda Paese – Aggiornamento Covid-19

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Visita la scheda paese completa

Segui la situazione giornaliera dei casi nel paese (clicca qui)

AVVISI UFFICIALI PER I VIAGGI INTERNAZIONALI DA/PER ITALIA
SUDDIVISIONE DEI PAESI IN CINQUE ELENCHI 

Aggiornamento 19/01/2022:

Condizioni di ingresso nel Paese: per quanto riguarda le persone provenienti da tutti i Paesi inclusa l’Italia, a partire dal 21 dicembre 2021 è stata reintrodotta la quarantena, salvo per coloro che hanno già ottenuto  il QRcode del Thailand pass al 21 dicembre (o che lo otterranno qualora già richiesto alla data del 21 dicembre 2021).
1.            Per coloro che hanno già ricevuto il Thailand Pass con QRcode al 21 dicembre 2021 è possibile entrare in Thailandia in modalità Test&Go alle seguenti condizioni.
Ciascun viaggiatore deve avere:
– Tampone negativo, effettuato con metodo RT/PCR, non oltre 72 ore prima della partenza.
– Autorizzazione denominata “Thailand Pass”, rilasciata dall’Ambasciata di Thailandia su richiesta, da richiedere al seguente link:  https://tp.consular.go.th/.
– Visto, in tutti i casi in cui e’ richiesto.
– Assicurazione sanitaria che copra tutto il mondo, o comunque la Thailandia, che includa anche le spese dovute al COVID19 e abbia un massimale non inferiore ai 50.000 USD.
L’assenza o la non correttezza formale di uno solo di questi documenti comporta il diniego di imbarco da parte del vettore aereo che è responsabile del controllo.
I viaggiatori, che devono essere vaccinati contro il Covid-19 con ciclo completo da almeno 14 prima della data del viaggio, saranno sottoposti, all’arrivo, ad un test COVID con metodo RT/PCR. Devono quindi avere prenotato, prima del viaggio, una notte in albergo, in una delle strutture abilitate, dove dovranno attendere il risultato del test COVID. Non sara’ possibile lasciare l’hotel prima dell’arrivo del risultato negativo del test.
Decorsi 7 giorni è obbligatorio sottoporsi ad un test PCR gratuito presso una struttura designata.
 
2.            Coloro che hanno richiesto il Thailand Pass al 21 dicembre 2021 ma non hanno ancora ricevuto risposta, devono attendere risposta e a seguito di risposta positiva potranno entrare nel Paese in modalità Test&Go alle condizioni di cui al punto precedente.
 
3.            Quarantena: a partire dal 21 dicembre 2021 viene reintrodotto il requisito di quarantena presso strutture alberghiere designate. L’ingresso è quindi consentito alle seguenti condizioni:
– Tampone negativo, effettuato con metodo RT/PCR, non oltre 72 ore prima della partenza.
– Autorizzazione  rilasciata dall’Ambasciata di Thailandia su richiesta, da richiedere al seguente link:  https://tp.consular.go.th/  sotto la voce ‘’AQ –Alternative Quarantine’’ oppure ‘’Sandbox Phuket’’.
– Visto, in tutti i casi in cui e’ richiesto.
– Assicurazione sanitaria che copra tutto il mondo, o comunque la Thailandia, che includa anche le spese dovute al COVID19 e abbia un massimale non inferiore ai 50.000 USD.
L’assenza o la non correttezza formale di uno solo di questi documenti comporta il diniego di imbarco da parte del vettore aereo che è responsabile del controllo.
I richiedenti devono essere vaccinati contro il Covid-19 con ciclo completo da almeno 14 prima della data del viaggio, sottoporsi, all’arrivo, ad un test COVID con metodo RT/PCR. Devono altresi’ avere prenotato, prima del viaggio, sette notti in albergo, in una delle strutture abilitate.
Coloro che non sono vaccinati devono sottoporsi al regime di quarantena previsto per i non vaccinati, ovvero devono:
-rispettare i requisiti generali indicati al punto “Condizioni di ingresso nel Paese”
-avere prenotato, prima del viaggio, 10 notti in albergo in strutture abilitate
-sottoporsi a tampone due volte: il giorno dell’arrivo in Thailandia e l’ottavo o nono giorno dopo l’arrivo.
Transiti aeroportuali: a partire dal 1 marzo 2021, sono permessi solo presso l’aeroporto Suvarnabhumi di Bangkok (BKK), alle seguenti condizioni:
– Tampone negativo, effettuato con metodo RT/PCR, non oltre 72 ore prima della partenza.
– Certificato di “fit to fly” rilasciato non oltre 72 ore prima della partenza.
– Assicurazione sanitaria che copra tutto il mondo, o comunque la Thailandia. Tale assicurazione deve avere un massimale non inferiore ai 100.000 USD.
L’assenza o la non correttezza formale di uno solo di questi documenti comporta il diniego di imbarco da parte del vettore aereo che è responsabile del controllo. E’ sempre previsto il transito obbligato attraverso una “sealed route” predeterminata, un’area di transito separata dal resto dell’aeroporto. Il transito può durare fino a 12 ore. E’ vietato operare transiti da Paesi classificati come “ad alto rischio COVID19”. La classificazione del rischio viene aggiornata di settimana in settimana. Le compagnie aeree devono sottoporre alla CAAT (Autorità per l’Aviazione Civile) e all’Amministrazione dell’Aeroporto di BKK il piano di volo/transito con almeno 24 ore di anticipo. Sempre a partire dal 1 marzo 2021, sono consentiti i transiti aeroportuali, oltre che tra voli charter, anche tra voli commerciali.Visti d’ingresso e loro eventuale estensione: Le istanze di autorizzazione all’ingresso in Thailandia devono essere presentate all’Ambasciata thailandese competente in base al Paese in cui ci si trova.  Chi è già presente in Thailandia può rinnovare il proprio visto secondo le procedure previste dalle Autorità thailandesi, per le quali si consiglia di consultare il sito web dell’Immigrazione thailandese e di contattare per tempo l’Ufficio dell’Immigrazione competente. Si ricorda che non sono necessarie e non vengono rilasciate lettere di sostegno delle Ambasciate ai fini del rinnovo del proprio visto.

Traffico aereo: Thai Airways ha sospeso la tratta aerea Fiumicino-Bangkok e Milano-Bangkok. Sono operativi dalla Thailandia, in ogni caso, voli di linea per destinazioni europee. Ai connazionali presenti nel Paese e che intendano rientrare in Italia, si raccomanda di verificare l’operatività del proprio volo ed eventuali requisiti di imbarco con la compagnia.

Traffico marittimo: Misure restrittive vengono applicate anche per i viaggiatori in arrivo su navi provenienti da paesi dove si sono registrati importanti casi di contagio (tra cui l’Italia). Tutte le persone, prima dello sbarco, dovranno osservare un periodo di quarantena di 14 giorni a bordo della nave, mentre è prevista una serie di adempimenti da parte del Comandante della nave (tra i quali l’invio di documentazione attestante l’assenza per i passeggeri di sintomi di contagio da COVID), la cui violazione viene sanzionata con una multa.
Per ulteriori informazioni circa le misure di contenimento disposte dalle competenti Autorità a livello locale, si rimanda alla sezione Sanitaria della scheda. 

 
 
7
2
 
 
 
 
 
Leaflet | © OpenStreetMap contributors
Legenda
Avvisi in evidenza
Aree di particolare cautela
Situazione sanitaria

 

Presso il CESMET Clinica del Viaggiatore si effettuano:

Tamponi Molecolari RT-PCR con risposta a 6h / 12h / 24h /48h, con certificazione medica COVID FREE in lingua inglese;
Tamponi Antigenici con risposta a vista con certificazione medica COVID FREE in lingua inglese, con le seguenti caratteristiche: specificità 99.5%, sensibilità 94.5%, affinità 94%)
Test Sierologici per IgM, IgG per SARS-CoV-2 qualitativi e quantitativi;
– certificazione FIT TO FLY per compagnie aree e paesi richiedenti;

Vengono anche rilasciati i seguenti certificati medici infettivologici, validi seconda indicazione di legge:

1) certificato medico di avvenuta vaccinazione; con valutazione clinica e certificazione di assenza di sintomi da Covid-19
2) certificato medico di avvenuta malattia da Covid-19; con valutazione clinica e certificazione di assenza di sintomi da Covid-19;
3) certificato medico di pregressa infezione da SARS-CoV-2 con positività esame sierologico e presenza di IgG; con valutazione clinica di assenza di sintomi da Covid-19;
4) certificato medico di effettuazione tampone molecolare

 

RIENTRO IN ITALIA:

 

Adempimenti all’ingresso in Italia

Al rientro in Italia, se nei 14 giorni precedenti si è soggiornato/transitato in questi Paesi è necessario:

  • sottoporsi a tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 72 ore prima dell’ingresso in Italia e il cui risultato sia negativo
  • compilare il Passenger Locator Form – Modulo di localizzazione digitale – prima dell’ingresso in Italia. Il modulo sostituisce l’autodichiarazione resa al vettore
  • comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio. Consulta la pagina: COVID-19 Numeri verdi e informazioni regionali
  • raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato
  • sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 10 giorni
  • sottoporsi al termine dell’isolamento di 10 giorni ad un ulteriore tampone molecolare o antigenico.

 

Deroghe

Gli obblighi previsti e descritti al paragrafo “Adempimenti all’ingresso in Italia” possono essere derogati in parte o in toto a seconda dei casi.
Consulta la sezione Deroghe per maggiori informazioni.

 

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e