Kenya – 02 – Alert sanitari

Kenya – 02 – Alert sanitari

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Quali sono le epidemie attuali in Kenya?

COVID-19  Segui la situazione giornaliera dei casi nel paese (clicca qui)

LUGLIO 2023: FEBBRE GIALLA

la malattia è endemica in particolare nelle savane e altopiani interni. Alcuni focolai segnalati già nel gennaio 2022 nella contea di Merti Sub e nella contea di Isiolo. Da allora sono stati segnalati diversi casi. Anche nei primi mesi del 2023 ci sono alcuni casi sospetti. I pazienti hanno presentato febbre, ittero, dolori muscolari e dolori febbrili. La maggior parte dei casi ha un’età compresa tra gli 11 e i 40 anni e sembra provenire dalle sub-contee di Merti (al confine con Wajir) e Garba Tulla (al confine con Garissa). Recentemente possibili nuovi casi a Baringo e Elgeyo Marakwet. Il Ministero della Salute ha avviato da oltre un anno una campagna di vaccinazione nazionale a partire da Wajir, Garissa, Marsabit, Meru, Samburu, Elgeyo Marakwet, Baringo, West Pokot, Turkana, Mandera e Tana River.

LUGLIO 2023: CHIKUNGUNYA

casi della febbre virale emorragica, particolarmente acuta, sono stati segnalati già nel febbraio 2022 a Kotulo, nella contea di Wajir. I casi sono continuati in modo sporadico durante il 2022 e sono aumentati durante il periodo delle piogge. Negli ultimi mesi squadre di valutazione rapida delle virosi sono state inviate dal ministero della Salute e dal governo nella contea Wajir per visitare qualche centinaio di famiglie di diversi villaggi sospettate di avere pazienti affetti da Chikungunya. Il team ha elencato  un totale di 67 casi confermati e 53 sono casi probabili.

LUGLIO 2023: MALARIA

L’innalzamento delle temperature e dell’umidità porta all’aumento della diffusione di diversi tipi di zanzare (Aedes e Anopheles), con il propagarsi di malattie di origine virale e parassitario. E’ ciò che si è verificato in modo anomalo, con l’aumento di casi di malaria, anche mortali, in aree del paese ad altitudine superiore ai 1800 metri, nelle conteee di Nakuru e di Solai, e pertanto considerato a basso rischio. Il fenomeno é già presente da qualche anno. Ciò conferma la necessità di una informazione corretta ed aggiornata sulle reali situazioni epidemiologiche sul paese, al fine di attuare il miglior protocollo preventivo e la profilassi più adeguata. Diversi casi giunti anche alla nostra attenzione dall’area di Watamu, zona turistica sul mare.

  COLERA

Sono 12 le contee del paese dove sono stati riportati casi di infezione colerica,, presente ormai da qualche anno nel paese.  Embu, Garissa, Kajiado, Kisumu, Machakos, Makueni, Mandera, Mombasa, Nairobi, Narok, Turkana e Wajir . Dall’inizio del 2019 sono stati denunciati ufficialmente 4476 casi, con 37 morti. I casi reali stimati sono sicuramente molti di più, poichè non denunciati.
Il colera si trasmette attraverso l’ingestione di alimenti e acqua infetti. Pertanto grande attenzione all’igiene alimentare e personale viene raccomandata a coloro che si recano nel paese. Il vaccino orale oggi disponibile è efficace e raccomandato a protezione anche di altre infezioni gastrointestinali.
aggiornamento COLERA al GIUGNO 2023: il Ministero della Sanità keniota conferma l’aumento dei casi di colera in molti distretti del paese, ed in particolare nella capitale Nairobi ed anche sulla fascia costiera.

GIUGNO 2023 Morbillo

Si mantiene elevato anche il numero dei casi di morbillo presenti nella maggior parte delle province del paese.

Dal nostro blog partner

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e