Kenya – Scheda Paese

Kenya – Scheda Paese

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Bandiera KenyaMappa Kenya

Clima, meteo e salute

  • Previsioni Meteo
  • Clima: l’equatore divide il Paese in due parti quasi uguali. La regione a nord dell’Equatore è calda e poco piovosa e quella a sud è divisibile in tre zone meteorologiche: la costa umida, con una temperatura media annua compresa fra 24°C, in giugno e luglio, e 28°C in febbraio, marzo, aprile; gli altopiani relativamente temperati e la regione tropicale del Lago Vittoria. La stagione delle piogge va da ottobre a dicembre e da aprile a giugno.

Prevenzione e profilassi

Vaccinazioni obbligatorie

Vaccinazioni consigliate

  • FEBBRE GIALLA

    La vaccinazione è raccomandata ai viaggiatori al di sopra di 1 anno di vita, indipendentemente dalla normativa internazionale o locale in vigore per l’ingresso nel paese. Prima della partenza informarsi presso centri specializzati sulle aree del paese a maggior rischio.Generalmente non raccomandata se la permanenza è limitata alle seguenti zone: la prov. del Nord-est; gli stati di Kilifi, Kwale, Lamu, Malindi, e Tanariver; le città di Mombasa e Nairobi.

    Map 3-30. Yellow fever vaccine recommendations in Kenya

    Da CDC – Yellow Book 2018

  • POLIO

    POLIOMIELITE- In seguito agli ultimi dati epidemiologici e relative raccomandazioni emanate dall’OMS, ai viaggiatori che rimangono per più di 4 settimane nel paese, potrebbe essere richiesta, al momento dell’uscita dal paese stesso, la prova di avvenuta vaccinazione contro la Polio. Per essere valida, la vaccinazione deve essere stata somministrata tra 4 settimane e 12 mesi prima della partenza dal paese.

  • EPATITE A

    per saperne di più….

  • EPATITE B

    per saperne di più….

  • FEBBRE TIFOIDE

    per saperne di più….

  • MENINGITE DA MENINGOCOCCO

    per saperne di più…

  • SINDROMI DIARROICHE E COLERIFORMI

    – La vaccinazione non è obbligatoria, ma va presa in considerazione a seconda del tipo di viaggio e di permanenza, ma soprattutto in base alla situazione epidemiologica del paese al momento del viaggio. La nuova formulazione “orale” del vaccino anticolera protegge ora anche dalle infezioni intestinali provocate da molti agenti enterotossici che provocano la “diarrea del viaggiatore”. Il vaccino è quindi consigliato per i viaggi in molti paesi del mondo.

  • TETANO

    per saperne di più…

  • VACCINAZIONI DI ROUTINE

    Assicurati di aver effettuato tutte le vaccinazioni previste dal Sistema Sanitario Nazionale. Queste prevedono: tetano, difterite, polio, pertosse, haemophilus B, epatite B, morbillo, parotite, rosolia, varicella.

Approfondimenti sulla malaria

  • CHE COSA E’

    La Malaria è una malattia infettiva, acuta, presente nel paese, molto legata agli’ ambienti umidi, piovosi, alle stagioni ed alle condizioni meteorologiche. Controlla prima di partire l’itinerario del tuo viaggio e le condizioni meteo delle aree dei tuoi soggiorni. Ricorda che la Malaria è una malattia potenzialmente grave ed anche fatale. Non sottovalutarla. E’ possibile prevenirla con una attenzione al vestiario che ti copra le parti scoperte al tramonto e la notte, all’utilizzo di repellenti e all’ utilizzo di adeguati farmaci per la profilassi, nelle stagioni di maggior rischio. Per approfondire leggi la scheda sulla malaria

  • NEL PAESE

    Il rischio di infezione malarica, principalmente da Plasmodium falciparum, ma anche da vivax ed altre forme, possibili infezioni da forme miste (prevalenza falciparum e vivax), esiste tutto l’anno in tutto il paese, inclusa la città di Nairobi. In particolare esiste un maggiore rischio durante la stagione piovosa e umida e nelle aree del paese dove acquitrini, paludi, fiumi e laghi favoriscono la presenza di zanzare anopheles, attive al tramonto e durante la notte.

    Le aree di savana secca, le aree scarsamente abitate ed i periodi di ridotta presenza di insetti ed in particolare di zanzare costituiscono motivo di riduzione di rischio.
    Le cittadine e le grandi città presentano un rischio di infezione talvolta uguale se non maggiore alle zone periferiche e selvagge.
    Notificata resistenza alla clorochina ma anche alla meflochina ed in parte ad atovaquone. Ridotta resistenza a Doxiciclina.

    (Aggiornato a Settembre 2019)

     

    Map 3-31. Malaria in Kenya

    CDC – Yellow Book 2018

  • PROFILASSI

    Doxiciclina, è un ottimo farmaco di scelta per i soggiorni sia in aree turistiche che in viaggi avventurosi, durante trekking e in caso di utilizzo di tende o residenze poco controllate. Farmaco per i soggiorni in residenze protette o aree di lieve rischio, sia per soggiorni a rischio elevato. Devi sapere che la “doxiciclina 100 mg”è un farmaco di scelta non solo per la prevenzione della infezione malarica ma anche per la prevenzione delle infezioni batteriche intestinali e cutanee e verso le infezioni causate da punture di zecca. Per le sue caratteristiche il farmaco è molto versatile, può essere infatti assunto per soggiorni brevissimi o brevi, alcuni giorni o settimane, ma anche nel lungo periodo,cioè per molti mesi. Ti ricordiamo che farmaci a base di tetracicline, compresa la doxiciclina, vengono assunti per oltre 1 anno da ragazzi che manifestano l’acne, cioè infezioni sul volto o tronco. Un farmaco sicuro, efficace, privo o con scarsi effetti collaterali. Ricordiamo che alle dosi di profilassi, 100 mg al giorno, gli effetti di sensibilizzazioni ai raggi solari, sono praticamente assenti. In ogni caso ricordiamo l’uso di creme solari. Farmaco di basso costo. Non è utilizzabile al di sotto dei 12 anni o in gravidanza, o in caso di allergia o intolleranza alle tetracicline. Si assume tutti i giorni, durante il pranzo, dalla entrata in area a rischio, per una settimana dalla uscita dall’area di rischio malarico.

    Atovaquone-Proguanile, farmaco sul mercato da quasi 20 anni possiede ancora una buona copertura antimalarica per le forme resistenti alla clorochina, anche se sono state descritte da diversi anni forme di resistenza e di scarsa efficacia. Utile per l’utilizzo pediatrico, Utilizzato per periodi non superiori ai 30 giorni, ma utilizzabile fino a 60 giorni. Si assume una compressa tutti i giorni da 2/3 giorni prima di partire ad 1 settimana al rientro.

    Meflochina, farmaco utilizzato da oltre 30 anni, Efficace in profilassi e in terapia. Efficace sia negli adulti che anche in età pediatrica. Efficacia e sicurezza dimostrata anche nelle donne in gravidanza. Utilizzabile in soggetti in buone condizioni di salute. Da non utilizzare nei cardiopatici, soggetti aritmici, neuro e psicopatici, in chi soffre di insonnia. Riferiti sintomi da irritabilità del sistema nervoso periferico e centrale. Da evitare in chi effettua immersioni, soggiorni in alta quota, voli aerei ripetuti e prolungati. Favorevole la modalità di assunzione che prevede una dose settimanale da una settimana prima di partire a 3/4 settimane al rientro.

  • AL RIENTRO

    In caso di febbre, di diarrea o comunque di malessere, è indispensabile consultare senza indugio (in caso di febbre, possibilmente entro 24 ore, per la possibilità di aver contratto la malaria, se si è di ritorno da una zona a rischio) un Medico Specialista o esperto in Malattie Tropicali.

Alert sanitari

Malaria, 1 Novembre 2019

L’innalzamento delle temperature può portare all’aumento della diffusione di microrganismi e parassiti. E’ quello che si pensa sia alla base del verificarsi, anomalo, di casi di malaria, anche mortali, in aree del paese ad altitudine superiore ai 1800 m (contea di Nakuru e di Solai) e pertanto considerato a basso rischio. Hivisasa
Ciò conferma la necessità di una informazione corretta ed aggiornata sulle reali situazioni epidemiologiche dei paesi meta dei viaggi, al fine di attuare il miglior protocollo preventivo e la profilassi più adeguata.

Colera , 31 Ottobre 2019

Sono 12 le contee del paese dove sono stati riporatati casi di infezione colerica: Embu, Garissa, Kajiado, Kisumu, Machakos, Makueni, Mandera, Mombasa, Nairobi, Narok, Turkana e Wajir . Dall’inizio del 2019 ne sono stati 4476, con 37 morti. Outbreaknews.com
Il colera si trasmette attraverso l’ingestione di alimenti e acqua infetti. Pertante grande attenzione all’igiene alimentare, e personale, viene accomandata a coloro che si recano nelle aree a rischio. Il vaccino orale disponibile è raccomandato, anche per la sua provata efficacia a protezione di numerosa altre infezioni gastrointestinali.

Colera Morbillo, Leishmaniosi viscerale 13 Agosto 2019

Il Ministero della Sanità keniota conferma l’aumento dei casi di colera in molti distretti del paese, ed in particolare nella capitale Nairobi ed anche sulla fascia costiera.
Si mantiene elevato anche il numero dei casi di morbillo presenti nella maggior parte delle province del paese.
A queste due epidemie si aggiunge un focolaio piuttosto importante di una malattia parassitaria, trasmessa da un tipo di mosca ematofaga, la sand fly, che punge per succhiare il sangue. Sono stati denunciati ed…..continua a leggere

Dossier sanitari

Consulta il tuo “cruscotto utente” per l’elenco dei dossier disponibili per questo paese.

Malattie prevalenti sul territorio

  • Endemie

    Malaria_ Le epidemie di malaria (principalmente da P. falciparume P. vivax) si verificano principalmente durante la stagione delle piogge (aprile-giugno), ma il ciclo di trasmissione è mantenuto tutto l’anno. Le uniche aree libere dalla malaria sono la capitale Nairobi e le aree superiori ai 2500 metri di altitudine delle province del centro, dell’est, dell’ovest, Nyanza e Rift Valley.

    Febbre gialla_La vaccinazione è raccomandata a tutti i viaggiatori di età superiore ai 9 mesi, per reale rischio di infezione. Non sono considerate aree a rischio: l’intera provincia del nord-est, le città di Mombasa e Nairobi, i distretti di Kilifi, Kwale, Lamu, Malindi e Tanariver.

    Febbre Rift Valley_ Le aree endemiche sono rappresentate dalle provincie nord-orientale, orientale, centrale e Rift Valley. La modalità di trasmissione è principalmente vettoriale ma i viaggiatori dovrebbero evitare il contatto con il bestiame in quanto la trasmissione avviene anche per esposizione diretta ad animali, ai loro tessuti o per il consumo di latte crudo.

    Dengue_ La malattia è molto diffusa nelle aree urbane. Focolai frequenti si verificano nelle città di Mombasa e Mandera.

    Chikungunya_ Focolai epidemici si verificano sporadicamente sulla costa keniota (Lamu e Mombasa).

    Trypanosomiasi africana_ Focolai recenti sono stati segnalati dal parco giochi di Masai Mara e dalla parte est del Kenya.

    Leishmaniosi viscerale_ Focolai di leishmaniosi sono riportati spesso dalla parte nord-orientale del Paese. La malattia è particolarmente grave nei pazienti immunodepressi (infezioni da HIV).

    Diarrea del viaggiatore_ A rischio tutti i viaggiatori di tutte le aree del Paese. Si consiglia di rispettare semplici norme igieniche alimentari e portare con sè farmaci adeguati. In alcuni casi si può evitare la terapia farmacologica ed intervenire con la semplice reidratazione.

    Colera_ Le epidemie più recenti sono state riportate dal distretto di West Pokot (provincia di Rift Valley) e dal distretto di Kilifi (provincia di Coast).

    Polio_La profilassi anti-polio è raccomandata vista la persistenza dell’infezione nell’Africa sub-sahariana.

    HIV_Rischio elevato per i viaggiatori che non adottano protezione in caso di rapporti sessuali con persone sconosciute. Per i viaggiatori a maggior rischio può essere considerata la profilassi pre-esposizione.

    Epatite B_Rischio elevato per i viaggiatori che non adottano protezione in caso di rapporti sessuali con persone sconosciute. Frequente la trasmissione in corso di visite e medicazioni in ambienti sanitari con scarsa igiene strumentale ed ambientale (condivisione di rasoi, siringhe, oppure da madre a figlio durante il parto).

    Morbillo_La trasmissione avviene anche per contatto diretto con fluidi infetti. A Rischio: tutti i viaggiatori non immunizzati. Tutti i viaggiatori nati dopo il 1956 dovrebbero assicurarsi di essere protetti per il morbillo (che l’abbiano avuto o che abbiano effettuato due vaccinazioni documentate o che abbiano un esame del sangue che mostra immunità per il morbillo).

    Tubercolosi_La provincia costiera di Mombasa ha il più alto numero di infezioni del Paese, seguita dalle province di Nyanza e di Nairobi.

    Rabbia_Nel Paese si registrano casi di rabbia animale.

     

Pillole di salute

  • Come evitare di ammalarsi

    Dai tempo al tuo organismo di ambientarsi al nuovo clima ed al nuovo ambiente. Prima del viaggio, se possibile, dedica alcune ore alla attività fisica, e abitua il tuo organismo ai nuovi ritmi durante il viaggio…leggi tutto

  • Chi deve vaccinarsi per la febbre gialla

    La vaccinazione contro la Febbre Gialla o Vaccino Antiamarillico, malattia virale acuta, che si trasmette tramite puntura di zanzara, è l’unica pratica preventiva che può essere richiesta obbligatoriamente dalle autorità sanitarie di un Paese per poter entrare attraverso i valichi di frontiera….

    leggi tutto

  • La malaria, attenzione….!

    E’ una malattia infettiva, acuta, spesso ma non sempre febbrile, talvolta caratterizzata da pochi sintomi ma sempre con presenza di grande stanchezza, può essere fortemente debilitante, provocando anemia talvolta grave e molto spesso alterazioni metaboliche ed organiche. Appena entrati nell’organismo i parassiti colonizzano le cellule del fegato che poi vengono via via distrutte creando zone di necrosi (morte cellulale) e di fibrosi puntiforme. Alla lunga il parassita malarico crea lesioni permanenti a livello epatico. (altro che medicine contro la malaria che fanno male al fegato!).
    Ricorda che la protezione dei farmaci utilizzati per la profilassi (prevenzione) è efficace e sicura. Gli eventuali effetti collaterali, raramente presenti, sono sicuramente meno dannosi, sul tuo organismo, rispetto alle conseguenze derivanti dalla malattia stessa. Tali effetti collaterali, sempre temporanei, possono dipendere da dosaggi non corretti o da intolleranze individuali. Devi temere l’azione distruttiva del parassita sul tuo organismo piuttosto che gli effetti collaterali,generalmente non pericolosi dei farmaci antimalarici.
    Febbre, brividi, sudorazione, cefalea nucale, stanchezza ingravescente sono i sintomi più frequenti e caratteristici. Ma non sempre la malaria si presenta in modo così eclatante. Basta un malessere al rientro dal viaggio a far scattare l’attenzione.
    FAI SUBITO GLI ESAMI DI LABORATORIO PRESSO UN CENTRO SPECIALIZZATO. TI ASPETTIAMO AL CESMET PER ESCLUDERE CON UNA VISITA E CON ESAMI MIRATI CHE I TUOI SINTOMI PROVENGANO DA UN ATTACCO MALARICO.

    CHIAMA IL CENTRO CLINICO E DIAGNOSTICO TROPICALE 06 39030481 La malaria: scheda tecnica

  • Zanzare & co. – Come proteggersi

    • le zanzare che trasmettono malattie diverse dalla malaria sono attive durante il giorno ed ovunque vi sia una raccolta di acqua dolce: indossare abiti di colore chiaro, lunghi e con maniche larghe, pantaloni lunghi e larghi, di colore chiaro, magliette o camicie con maniche lunghe e larghe e di colore chiaro da infilare nella cintura dei pantaloni….

    leggi tutto

  • Nuotare con precauzione

    Per prevenire l’eventuale trasmissione di malattie infettive, è opportuno nuotare esclusivamente in piscine con acqua clorata. L’acqua del mare è sicura.
    Fare il bagno in acque contaminate può essere pericoloso per la pelle, gli occhi, le orecchie, le mucose della bocca, specialmente se…

    leggi tutto

  • Il mal di montagna

    E’ un insieme di sintomi che si può manifestare quando l’organismo umano, superati i 2500 metri di altitudine, non si è ancora adeguato alla nuova situazione ambientale.
    Possiamo definire l’alta quota come segue…

    Leggi tutto

  • In valigia

    Montagna o mare, safari e avventura o vacanza di tutto riposo, caldo o freddo: devi preparare il tuo bagaglio con cura, attenzione, senza esagerare e soprattutto prevedendo ……l’imprevedibile. Abbigliamento appropriato al clima e non dimenticando mai una piccola farmacia da viaggio.

  • Al rientro a casa

    Quando rientri da un viaggio ricorda di prenderti una pausa di un tempo sufficiente per riadattare il tuo organismo al tuo ambiente ed ai tuoi ritmi di vita. Stanchezza, malessere, senso di vuoto, scarsa capacità alla concentrazione….

    leggi tutto

Informazioni generali

Capitale: Nairobi

 

Lingua: inglese (lingua ufficiale), swahili (lingua ufficiale), lingue indigene

Moneta: Scellino del Kenia

Fuso orario: GMT +3

USA Ambasciata: United Nations Avenue NairobiP. O. Box 606 Village Market00621 Nairobi, KenyaTelephone 3636000Servizi Consolari: Telephone 3753700 CANADA Ambasciata: Limuru Road, GigiriP.O. Box 101300621-Nairobi, Kenya Tel. :(254-20) 366 3000

Storia,Economia,Cultura: http://www.britannica.com https://www.cia.gov

Sicurezza: www.viaggiaresicuri.it www.dovesiamonelmondo.it

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e