it Italiano
it Italiano

Virus e Ambiente

Virus e Ambiente

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Virus e Ambiente

 

Possono il clima, le stagioni e particolari condizioni ambientali influenzare o favorire la diffusione e l’adesione del nuovo coronavirus alle mucose respiratorie dell’uomo?
Può il diverso livello di inquinamento influenzare il diffondersi di virus e microrganismi patogeni ?

 

Fasce del globo con condizioni climatiche simili
Fasce del globo con condizioni climatiche simili

Dicono gli autori :”Allo stato attuale la maggiore concentrazione  di casi di COVID19 è stata registrata in città, paesi e territori distribuiti lungo una fascia est-ovest compresa più o meno tra il 30° e il 50° parallelo nord e accomunati  da condizioni climatiche simili, quali una temperatura tra i 5 e gli 11°C e stesso grado di umidità, tra 4 e 7 g/m.cubo.”

 

 

 

 

 

 

 

Calo di NO2 atmosferico prima e durante il lockdown per il Coronavirus
Calo di NO2 atmosferico prima e durante il lockdown per il Coronavirus

Una mappa della NASA che mostra il forte calo della concentrazione
di NO2 (biossido di azoto), gas nocivo emesso da veicoli
e impianti industriali, nell’area della Cina.

 

 

 

 

 

 

Secondo molti scienziati il calo di inquinanti può avere un effetto positivo sulla diffusione dei virus e, viceversa, il loro aumento provocherebbe un effetto booster, cioè di rinforzo, all’intrappolamento delle particelle virali e quindi all’aumento di probabilità di infettarsi.

In Italia questo fenomeno è stato studiato nelle aree dove si sono manifestati i primi intensi focolai di COVID19, correlati alla maggiore concentrazione di polveri sottili nell’aria. In particolare, nella Pianura Padana sono state osservate curve di accelerazione della diffusione virale coincidenti, con le maggiori concentrazioni di particolato atmosferico.

 

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Vi presentiamo la traduzione automatica da un filmato NASA del 2019 dove veniva presentato un esperimento di crescita in assenza di peso …

I ricercatori usano i batteri per creare cellule artificiali che funzionano come cellule viventi. Hanno utilizzato i batteri per creare sofisticate cellule …

Farmaco sperimentale per il cancro al cervello accelerato negli studi clinici Nuova speranza di trattamento per i pazienti con glioblastoma   Leggiamo …

I ricercatori affermano che l’IA potrebbe produrre molecole proteiche Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: azolifesciences.com Recensito da Danielle Ellis, B.Sc. L’apprendimento …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e