it Italiano
it Italiano

L’importanza degli anziani

L’importanza degli anziani

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: sciencedaily.com

I ricercatori sostengono che la lunga durata della vita umana è in parte dovuta al contributo degli anziani

Data: 7 luglio 2022
Fonte: Università della California – Santa Barbara
Riepilogo: In un nuovo articolo, i ricercatori sfidano l’opinione di vecchia data secondo cui la forza della selezione naturale negli esseri umani deve diminuire a zero una volta completata la riproduzione. Affermano che una lunga durata della vita post-riproduttiva non è dovuta solo ai recenti progressi nella salute e nella medicina. Il segreto del nostro successo? I nostri nonni.

Secondo il canone di lunga data della biologia evoluzionistica, la selezione naturale è crudelmente egoista, favorendo tratti che aiutano a promuovere il successo riproduttivo. Questo di solito significa che la cosiddetta “forza” di selezione è ben attrezzata per rimuovere le mutazioni dannose che compaiono durante i primi anni di vita e durante gli anni riproduttivi. Tuttavia, con l’età in cui la fertilità cessa, la storia racconta che la selezione diventa cieca di fronte a ciò che accade ai nostri corpi. Dopo l’età della menopausa, le nostre cellule sono più vulnerabili alle mutazioni dannose. Nella stragrande maggioranza degli animali, questo di solito significa che la morte segue poco dopo la fine della fertilità.

Il che mette gli esseri umani (e alcune specie di balene) in un club unico: animali che continuano a vivere molto tempo dopo la fine della loro vita riproduttiva. Com’è che possiamo vivere decenni all’ombra della selezione?

“Dal punto di vista della selezione naturale, la lunga vita in post-menopausa è un enigma”, ha affermato il professore di antropologia della UC Santa Barbara Michael Gurven. Nella maggior parte degli animali, compresi gli scimpanzé – i nostri fratelli primati più stretti – questo legame tra fertilità e longevità è molto pronunciato, in cui la sopravvivenza diminuisce in sincronia con la capacità di riprodursi. Nel frattempo, negli esseri umani, le donne possono vivere per decenni dopo la fine della loro capacità di avere figli. “Non guadagniamo solo qualche anno in più, abbiamo una vera fase di vita post-riproduttiva”, ha detto Gurven.

In un articolo pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences , l’autore senior Gurven, con l’ex borsista post-dottorato dell’UCSB ed ecologista della popolazione Raziel Davison, sfida l’opinione di vecchia data secondo cui la forza della selezione naturale negli esseri umani deve diminuire a zero una volta che la riproduzione è completa.

Affermano che una lunga durata della vita post-riproduttiva non è dovuta solo ai recenti progressi nella salute e nella medicina. “Il potenziale per una lunga vita fa parte di ciò che siamo come esseri umani, una caratteristica evoluta del corso della vita”, ha detto Gurven.

Il segreto del nostro successo? I nostri nonni.

“Le idee sul valore potenziale degli anziani circolavano da un po'”, ha detto Gurven. “Il nostro articolo formalizza queste idee e chiede quale potrebbe essere la forza della selezione una volta presi in considerazione i contributi degli anziani”.

Ad esempio, una delle idee guida per la longevità umana è chiamata Ipotesi della nonna: l’idea che, attraverso i loro sforzi, le nonne materne possono aumentare la loro forma fisica aiutando a migliorare la sopravvivenza dei loro nipoti, consentendo così alle loro figlie di avere più figli. Tali effetti di fitness aiutano a garantire che il DNA della nonna venga tramandato.

“E quindi questa non è riproduzione, ma è una specie di riproduzione indiretta. La capacità di mettere in comune le risorse, e non solo fare affidamento sui propri sforzi, è un punto di svolta per animali altamente sociali come gli umani”, ha detto Davison.

(Continua…)

 

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e