it Italiano
it Italiano

L’impianto di cornea a base di collagene dalla pelle di maiale ripristina la vista

L’impianto di cornea a base di collagene dalla pelle di maiale ripristina la vista

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

Con la cecità corneale che colpisce circa 12,7 milioni di persone in tutto il mondo, sono necessari nuovi approcci terapeutici. In questa intervista, parliamo con i professori Neil Lagali e Mehrdad Rafat della loro ultima ricerca, che ha descritto in dettaglio un tessuto corneale bioingegnerizzato per il ripristino della vista minimamente invasivo nel cheratocono avanzato in due coorti cliniche.

Il trapianto di cornea è l’attuale opzione di trattamento standard per la cecità corneale. Quando i trapianti di cornea falliscono, i dispositivi protesici possono essere utilizzati nei casi più gravi, ma questi casi sono relativamente rari. Per la stragrande maggioranza della cecità corneale, il trapianto è l’unica opzione per recuperare la vista.

Tuttavia, è disponibile solo una cornea ogni 70 necessarie e oltre la metà della popolazione mondiale non ha accesso alle cornee dei donatori. Anche se è disponibile una cornea da donatore, l’infrastruttura necessaria per procurarla, conservarla e distribuirla è significativa. Deve essere testato per malattie e virus, che è anche costoso. Infine, dopo il trapianto, c’è sempre il rischio di rigetto del tessuto donatore, il che significa che i farmaci immunosoppressori devono essere somministrati ai pazienti per almeno un anno dopo il trapianto.

La cornea è costituita principalmente dal collagene proteico. Come è stata creata la cornea bioingegnerizzata e quali vantaggi presenta rispetto alle cornee donate?

Volevamo anche utilizzare il collagene per creare una cornea bioingegnerizzata, per imitare la cornea naturale. Poiché non esiste una fonte abbondante e a basso costo di collagene umano, abbiamo scelto di utilizzare il collagene proveniente dalla pelle di maiale. Questo collagene è abbondante, poco costoso, altamente purificato e già utilizzato nei prodotti medici approvati dalla FDA. In breve, il collagene purificato viene reidratato e reticolato con un reticolante chimico non tossico che è solubile in acqua e si lava via dall’impianto. Il suo unico effetto è quello di legare le fibre di collagene per rafforzare l’impianto. Quindi, in una seconda fase, l’impianto, a cui è stata aggiunta una piccola quantità di riboflavina (vitamina B2), viene esposto alla luce UVA, che lega ulteriormente fotochimicamente le fibre di collagene per produrre un impianto robusto, che è un idrogel contenente quasi 88 % acqua.

Il vantaggio della cornea bioingegnerizzata è che non contiene impurità, cellule umane o materiale cellulare; pertanto, ha un rischio molto più basso di rigetto rispetto alle cornee donate. Può anche essere personalizzato in base alle dimensioni, allo spessore e alla forma del destinatario. È imballato e sterile, può essere spedito in qualsiasi parte del mondo a temperatura ambiente e può essere conservato per un massimo di due anni prima dell’uso in un frigorifero standard.

Il tessuto del donatore deve essere procurato e trapiantato entro due settimane e richiede banche degli occhi e medicinali specializzati per mantenere il tessuto vitale, il che rappresenta un costo elevato e un requisito infrastrutturale, che purtroppo non è disponibile in molti paesi in via di sviluppo. Infine, le cornee donate sono molto scarse, mentre l’impianto bioingegnerizzato può, in teoria, essere prodotto in serie.

Altre malattie degli occhi, come la cataratta, causano un’elevata incidenza di cecità. C’è la possibilità che impianti simili possano essere usati per curare altre malattie degli occhi?

Il nostro lavoro dimostra la fattibilità dell’impianto di un biomateriale nell’occhio e la sua stabilità a lungo termine per ripristinare la funzione perduta. Sebbene non abbiamo testato l’approccio per altre malattie degli occhi, il principio è stato ora dimostrato. La cataratta può essere trattata con impianti artificiali esistenti; la sfida è rendere la procedura più disponibile a livello globale ea basso costo. La disponibilità e il costo erano requisiti chiave che ci hanno portato a sviluppare il tessuto corneale bioingegnerizzato e il metodo di impianto che ora riportiamo.

(Qui l’rticolo completo in lingua inglese)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e