it Italiano
it Italiano

Le zanzare hanno dispositivi di sicurezza neuronali

Le zanzare hanno dispositivi di sicurezza neuronali

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo da: sciencedaily.com

Fonte: Cella stampa

Quando le zanzare femmine cercano un essere umano da mordere, annusano un cocktail unico di odori corporei che emettiamo nell’aria. Questi odori stimolano quindi i recettori nell’antenna delle zanzare. Gli scienziati hanno provato a eliminare questi recettori nel tentativo di rendere gli esseri umani non rilevabili dalle zanzare.

Tuttavia, anche dopo aver eliminato un’intera famiglia di recettori sensibili agli odori dal genoma delle zanzare, le zanzare trovano ancora un modo per pungerci. Ora, un gruppo di ricercatori, pubblicando sulla rivista Cell il 18 agosto, ha scoperto che le zanzare hanno sviluppato sistemi di sicurezza ridondanti nel loro sistema olfattivo che si assicurano che possano sempre annusare i nostri profumi.

“Le zanzare stanno infrangendo tutte le nostre regole preferite su come gli animali annusano le cose”, afferma Margo Herre, uno scienziato della Rockefeller University e uno degli autori principali dell’articolo.

Nella maggior parte degli animali, un neurone olfattivo è responsabile solo del rilevamento di un tipo di odore. “Se sei un essere umano e perdi un singolo recettore odorante, tutti i neuroni che esprimono quel recettore perderanno la capacità di annusare quell’odore”, afferma Leslie Vosshall dell’Howard Hughes Medical Institute e professore alla Rockefeller University e al autore senior del documento. Ma lei e i suoi colleghi hanno scoperto che questo non è il caso delle zanzare.

“È necessario lavorare più duramente per eliminare le zanzare, perché sbarazzarsi di un singolo recettore non ha alcun effetto”, afferma Vosshall. Qualsiasi tentativo futuro di controllare le zanzare con repellenti o altro deve tenere conto di quanto sia indissolubile la loro attrazione per noi.”

“Questo progetto è iniziato davvero inaspettatamente quando stavamo osservando come l’odore umano fosse codificato nel cervello delle zanzare”, afferma Meg Younger, professore alla Boston University e uno degli autori principali dell’articolo.

Hanno scoperto che i neuroni stimolati dall’odore umano 1-otten-3-olo sono stimolati anche dalle ammine, un altro tipo di zanzara chimica usata per cercare gli esseri umani. Questo è insolito poiché, secondo tutte le regole esistenti sull’odore degli animali, i neuroni codificano l’odore con specificità ristretta, suggerendo che i neuroni 1-otten-3-ol non dovrebbero rilevare le ammine.

“Sorprendentemente, i neuroni per rilevare gli esseri umani attraverso i recettori dell’1-otten-3-olo e dell’ammina non erano popolazioni separate”, afferma Younger. Ciò potrebbe consentire a tutti gli odori correlati all’uomo di attivare “la parte che rileva l’uomo” del cervello delle zanzare anche se alcuni dei recettori vengono persi, agendo come un dispositivo di sicurezza.

(Articolo completo in lingua inglese qui…)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e