it Italiano
it Italiano
La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

La spiritualità può portare a una salute migliore?

La spiritualità può portare a una salute migliore?

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati
Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

Intervista condotta da Emily Henderson, B.Sc alla Dott.ssa Tracy Balboni – Professor of Radiation Oncology – Scuola di medicina di Harvard

Per favore, puoi presentarti e dirci cosa ha ispirato la tua ultima ricerca sulla spiritualità? 

Mi chiamo Tracy Balboni e sono un’oncologa radioterapista specializzata in cure palliative presso il Dana-Farber/Brigham e il Women’s Cancer Center, due ospedali universitari di Harvard. Sono anche co-direttore con il dottor Tyler VanderWeele e il dottor Howard Koh della Harvard TH Chan School of Public Health, dell’Iniziativa sulla salute, la spiritualità e la religione di Harvard.

I miei principali interessi di ricerca sono stati il ​​miglioramento del benessere dei pazienti che affrontano malattie gravi, come il cancro, compresa l’attenzione alla loro spiritualità. La spiritualità – i modi in cui le persone trovano il significato ultimo, lo scopo, la connessione e il valore – è per lo più trascurata nella professione medica. La medicina si concentra in gran parte sul corpo materiale e sulle tecnologie correlate.

Sebbene questa attenzione abbia portato a meravigliosi progressi nell’assistenza medica, è stata a scapito di altri aspetti chiave di ciò che significa essere umani. In particolare, trascurare la spiritualità in medicina può perdere risorse importanti per il benessere nella salute e nella malattia. Inoltre, tale negligenza all’interno dell’assistenza medica, in particolare nelle malattie gravi, può essere spersonalizzante e persino disumanizzante. Tali sfide hanno ispirato la nostra ultima ricerca pubblicata sul Journal of American Medical Association . Ci sono state molte ricerche sulla spiritualità nelle malattie e nella salute gravi, ma queste prove non hanno ancora avuto un impatto importante sulla pratica della medicina o sulla promozione della salute.

Era necessaria una panoramica esperta della ricerca, con le implicazioni di quegli studi per l’assistenza sanitaria, per concentrarsi su questi risultati e sulle loro implicazioni. Quindi, questo studio ha esaminato sistematicamente la letteratura sulla spiritualità all’interno di malattie e salute gravi e, con l’aiuto di un gruppo di esperti, ha riassunto quella ricerca sulle affermazioni di prove chiave e le implicazioni su come tali prove dovrebbero plasmare l’assistenza sanitaria.

La spiritualità è un concetto che significa cose diverse per persone diverse. Come descriveresti la spiritualità e come può aiutare un individuo a diventare più in sintonia con il proprio corpo?

Basato sulla definizione dell’International Consensus Conference on Spiritual Care in Health Care: “La spiritualità è il modo in cui gli individui cercano il significato ultimo, lo scopo, la connessione, il valore o la trascendenza”. Quindi ci sono una miriade di modi in cui gli individui possono sperimentare la spiritualità.

Per alcuni, è attraverso i legami familiari o la natura. Per altri, è attraverso specifiche comunità religiose, credenze e pratiche. Sulla base della letteratura che abbiamo esaminato, riconoscere e coltivare la nostra salute spirituale fa bene a molti aspetti della nostra salute fisica e mentale. Ad esempio, la persona che trova una connessione profonda e un significato attraverso la natura dovrebbe coltivare quella pratica nella propria vita. Trovare modi per mantenere quella pratica può essere fondamentale se si ammalano.

Ricordo un malato di cancro morente la cui spiritualità è stata trovata nella sua connessione e amore per la natura. Abbiamo discusso di questo valore e dato la priorità al suo essere in un ambiente in cui avrebbe potuto essere nella natura durante le sue ultime settimane di vita. La sua famiglia ha sistemato il suo letto d’ospedale nel soggiorno accanto a una finestra che dava sul giardino e sui boschi circostanti. Per altri, la loro spiritualità si trova in una tradizione religiosa.

Coltivare quelle pratiche spirituali e in particolare coltivare pratiche condivise con gli altri può essere importante per il benessere generale. La ricerca che abbiamo riassunto ha dimostrato l’importanza delle forme comunitarie di spiritualità su molti esiti di salute.


Di recente hai condotto uno studio incentrato sulla spiritualità e sui risultati sulla salute. Per favore, puoi dirci di più su questo studio e su come è stato condotto?

Abbiamo eseguito revisioni sistematiche di tutte le prove dal gennaio 2000 che informavano il ruolo della spiritualità nelle malattie gravi e il ruolo della spiritualità nei risultati sulla salute, inclusa la mortalità generale e gli esiti della salute mentale come la depressione. Utilizzando criteri per garantire un elevato standard di rigore per questi studi, la letteratura è stata rivista da due membri del personale di studio che hanno determinato se ciascuno studio corrispondeva o meno a tali criteri. Sono stati inclusi solo gli studi in cui entrambi concordavano sul rispetto dei criteri.

Gli studi, sia sulla malattia grave che sugli esiti per la salute, sono stati quindi riassunti sistematicamente e altri due revisori hanno valutato la presenza di bias. Infine, questi riassunti sono stati presentati al nostro gruppo Delphi diversificato e multidisciplinare di 27 esperti, che ha esaminato le prove e fornito riepiloghi delle prove chiave e delle implicazioni di questi risultati per la pratica della medicina nelle malattie gravi e negli esiti sanitari.

I nostri relatori Delphi hanno valutato la forza della ricerca a sostegno delle dichiarazioni di prova; sono state incluse solo quelle dichiarazioni di evidenza valutate come supportate da una forte ricerca. I relatori di Delphi hanno concluso classificando le loro prime 3 implicazioni per le malattie gravi e le loro prime 3 per i risultati sulla salute, con conseguente suggerimenti su come questa evidenza dovrebbe avere un impatto sulla futura pratica della medicina nelle malattie gravi e sulla salute pubblica.

Guardando attraverso queste prove, cosa hai scoperto?

Ci sono state molte scoperte. Per prima cosa descriverò in dettaglio quelli in grave malattia. Coerentemente in molti contesti culturali e sanitari, la spiritualità è importante per i pazienti più gravemente malati. Inoltre, la maggior parte ha bisogni spirituali, che sono spesso associati a decrementi nella qualità della vita. Sebbene molti pazienti desiderino che la loro spiritualità venga affrontata all’interno dell’assistenza medica, i bisogni spirituali sono in gran parte non affrontati. Laddove presente, l’attenzione alla salute spirituale dei pazienti gravemente malati all’interno dell’assistenza sanitaria è associata a migliori risultati in termini di qualità della vita.

Se la spiritualità fosse incorporata nella cura dei pazienti, come sarebbe? Quali vantaggi avrebbe questo per i pazienti?

Un operatore sanitario (come un medico, un’infermiera o un assistente sociale) che si prende cura di un paziente sano o malato può inserire semplici domande come “Ti consideri una persona spirituale?” o ‘La fede è importante per te nella tua vita/malattia?’ Tali domande segnalano il rispetto per i valori e le convinzioni del paziente, aiutano il medico a comprendere meglio il paziente e portano a un dialogo significativo su ciò che è importante per la sua salute sia durante quella visita che nelle visite future.

Nonostante i suoi riconosciuti benefici, molte persone non praticano la spiritualità. Cos’altro dovrebbero fare i governi, i responsabili politici e le organizzazioni per aiutare a promuovere la spiritualità, non solo nell’assistenza sanitaria ma nella vita di tutti i giorni?

Come accennato in precedenza, la spiritualità è stata ampiamente definita come ciò che porta il significato ultimo, lo scopo, la connessione e il valore. Con una definizione così ampia, si può sostenere che ogni persona ha una spiritualità. Il termine “spiritualità” può talvolta essere interpretato in modo restrittivo come forme religiose di spiritualità solo quando, in realtà, può assumere molte forme non religiose. Ad esempio, una persona può trovare la sua ultima fonte di significato, scopo e valore nel lavoro, nella natura o nella famiglia.

(Continua…)

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e