it Italiano
it Italiano
La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Come il suono riduce il dolore nei topi

Come il suono riduce il dolore nei topi

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati
Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Leggiamo e  riportiamo (traduzione automatica) da: sciencedaily.com

I circuiti cerebrali appena identificati possono indicare terapie del dolore più efficaci.

Data: 7 luglio 2022
Fonte: NIH/Istituto Nazionale di Ricerca Dentale e Craniofacciale
Riepilogo: Gli scienziati hanno identificato i meccanismi neurali attraverso i quali il suono attenua il dolore nei topi. I risultati potrebbero portare allo sviluppo di metodi più sicuri per trattare il dolore.

Un team internazionale di scienziati ha identificato i meccanismi neurali attraverso i quali il suono attenua il dolore nei topi. I risultati, che potrebbero informare lo sviluppo di metodi più sicuri per trattare il dolore, sono stati pubblicati su Science . Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ricerca Dentale e Craniofacciale (NIDCR); l’Università di Scienza e Tecnologia della Cina, Hefei; e Anhui Medical University, Hefei, Cina. NIDCR fa parte del National Institutes of Health.

“Abbiamo bisogno di metodi più efficaci per gestire il dolore acuto e cronico, e questo inizia con l’acquisizione di una migliore comprensione dei processi neurali di base che regolano il dolore”, ha affermato Rena D’Souza, direttore del NIDCR, DDS, Ph.D. “Scoprindo il circuito che media gli effetti di riduzione del dolore del suono nei topi, questo studio aggiunge conoscenze critiche che potrebbero alla fine informare nuovi approcci per la terapia del dolore”.

Risalenti al 1960, studi sugli esseri umani hanno dimostrato che la musica e altri tipi di suoni possono aiutare ad alleviare il dolore acuto e cronico, incluso il dolore da chirurgia dentale e medica, travaglio e parto e cancro. Tuttavia, il modo in cui il cervello produce questa riduzione del dolore, o analgesia, era meno chiaro.

“Gli studi sull’imaging del cervello umano hanno implicato alcune aree del cervello nell’analgesia indotta dalla musica, ma queste sono solo associazioni”, ha affermato il co-autore senior Yuanyuan (Kevin) Liu, Ph.D., un ricercatore di ruolo di Stadtman presso il NIDCR. “Negli animali, possiamo esplorare e manipolare in modo più completo i circuiti per identificare i substrati neurali coinvolti”.

I ricercatori hanno prima esposto i topi con le zampe infiammate a tre tipi di suoni: un piacevole brano di musica classica, uno spiacevole riarrangiamento dello stesso brano e un rumore bianco. Sorprendentemente, tutti e tre i tipi di suono, se riprodotti a bassa intensità rispetto al rumore di fondo (circa il livello di un sussurro) hanno ridotto la sensibilità al dolore nei topi. Intensità più elevate degli stessi suoni non hanno avuto alcun effetto sulle risposte al dolore degli animali.

“Siamo rimasti davvero sorpresi dal fatto che l’intensità del suono, e non la categoria o la gradevolezza percepita del suono, avrebbe avuto importanza”, ha detto Liu.

Per esplorare i circuiti cerebrali alla base di questo effetto, i ricercatori hanno utilizzato virus non infettivi accoppiati a proteine ​​fluorescenti per tracciare le connessioni tra le regioni del cervello. Hanno identificato un percorso dalla corteccia uditiva, che riceve ed elabora le informazioni sul suono, al talamo, che funge da stazione di trasmissione per i segnali sensoriali, incluso il dolore, dal corpo. Nei topi che si muovono liberamente, il rumore bianco a bassa intensità ha ridotto l’attività dei neuroni all’estremità ricevente del percorso nel talamo.

(continua…)

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e