it Italiano
it Italiano

Cancro al cervello; nuovo farmaco sperimentale.

Cancro al cervello; nuovo farmaco sperimentale.

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Farmaco sperimentale per il cancro al cervello accelerato negli studi clinici

Nuova speranza di trattamento per i pazienti con glioblastoma

 

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: newswise.com

a cura della University of South Australia

Un farmaco sperimentale, in fase di sperimentazione per tumori solidi avanzati, incluso il cancro al cervello più aggressivo, il glioblastoma, ha superato la prima fase a pieni voti, facendo sperare in un nuovo trattamento efficace.

Il professor Shudong Wang dell’Università dell’Australia Meridionale (UniSA) e la società di biotecnologie di Adelaide Aucentra Therapeutics stanno ora reclutando fino a 50 pazienti con glioblastoma per la seconda fase, sperimentando il farmaco Auceliciclib .

La prima fase, iniziata nel giugno 2021, ha coinvolto pazienti con glioblastoma, nonché con tumori cervicali, del colon, gastrointestinali, del pancreas e dell’utero, assicurando che Auceliciclib fosse sicuro a dosaggi diversi.

Nella seconda fase verrà testata l’efficacia del farmaco contro i tumori solidi.

I progressi nel trattamento del glioblastoma sono stati annunciati alla vigilia della Giornata mondiale della ricerca sul cancro, sabato 24 settembre.

“La fase uno di solito richiede fino a due anni se ci sono problemi di sicurezza con un nuovo farmaco, ma non abbiamo riscontrato alcun problema con Auceliciclib, il che è molto incoraggiante”, afferma il professor Wang.

La seconda fase, in combinazione con il farmaco chemioterapico Temozolomide , sarà focalizzata sui pazienti con glioblastoma, la cui aspettativa di vita è molto limitata, con un tempo di sopravvivenza di soli 12-18 mesi dopo la diagnosi.

“Nonostante la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia, il glioblastoma è un tumore incurabile. Uno dei motivi è dovuto alla diagnosi tardiva in cui il tumore si è già diffuso in un modo che rende molto difficile la rimozione chirurgica”, afferma il prof.

“Inoltre, ci sono pochissimi farmaci esistenti che possono attraversare la barriera ematoencefalica. Il cervello fa un ottimo lavoro nel proteggere il suo organo più vitale da tossine e agenti patogeni. Il rovescio della medaglia è che tiene fuori i farmaci vitali”.

Auceliciclib ha dimostrato in modelli preclinici che può attraversare la barriera ematoencefalica, il che lo rende un farmaco candidato ideale per il cancro al cervello.

In tutto il mondo, a circa 300.000 persone è stato diagnosticato un tumore cerebrale primario nel 2020, con pochissime speranze di un trattamento efficace.

Auceliciclib presenta due vantaggi chiave rispetto ad altri farmaci in fase di sviluppo. È più specifico per l’obiettivo, raggiunge le cellule tumorali nel cervello in modo più efficace ed è meno tossico.

Se il farmaco avrà successo nella sperimentazione clinica, sarà anche un importante passo avanti per i tumori cerebrali metastatizzati da altri tumori tra cui mammella e polmone.

(Articolo completo in lingua inglese qui…)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

ChatGPT

ChatGPT è un software di intelligenza artificiale che può dialogare via internet con l’utente su vari argomenti Per le vostre prove ChatGPT …

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: scitechdaily.com Quali sono le chiavi per un invecchiamento “di successo” o ottimale? Un nuovo studio ha …

malaria

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) dal sito web di BioNTech: BioNTech avvia la sperimentazione clinica di fase 1 per il vaccino contro …

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e