it Italiano
it Italiano
La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Antidolorifici personalizzati: perché è necessario?

Antidolorifici personalizzati: perché è necessario?

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati
Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: www.medicalnewstoday.com

Scritto da Annie Lennon il 29 giugno 2022 – Fatto verificato da Alexandra Sanfins, Ph.D.

Le condizioni del dolore stanno contribuendo alla disabilità in tutto il mondo. Nonostante ciò, i trattamenti variano in termini di efficacia tra gli individui e alcuni comportano un alto potenziale di uso improprio. La medicina del dolore personalizzata è un campo emergente che mira a produrre trattamenti sicuri ed efficaci su misura per le esigenze individuali.

Intorno a 1,71 miliardi di persone vivono con una condizione correlata al dolore o all’apparato muscolo-scheletrico a livello globale. Questi includono lombalgia, artrosi e fibromialgia. Tali condizioni sono legate a peggiori misure di salute mentale e benessere, aumento dell’assenteismo dal lavoro e perdite di produttività.

Le opzioni di trattamento per il dolore dipendono dalla gravità. Forme più lievi di dolore possono essere trattate con farmaci da banco come il paracetamolo o farmaci antinfiammatori non steroidei ( FANS ), tra cui l’aspirina e l’ibuprofene.

Se questi farmaci non riescono a fornire sollievo, i medici possono prescrivere miorilassanti come il diazepam , i FANS come il celecoxib o trattamenti steroidei come il desametasone . Oltre a questi, i medici possono anche offrire oppioidi, tra cui codeina, fentanil e ossicodone, per un uso a breve termine.

Sebbene ciascuno di questi farmaci sia ampiamente utilizzato per alleviare il dolore, il loroeffetti variFonte attendibilei profili di sicurezza hanno ispirato pazienti e ricercatori a cercare opzioni di trattamento più personalizzate.

Perché la personalizzazione è importante

“Le nostre terapie per la gestione del dolore attualmente disponibili sono essenzialmente di taglia unica. Per la maggior parte del dolore, lo trattiamo con FANS o oppioidi” , ha detto a Medical News Today la dott.ssa Cynthia Renn , professoressa di scienze del dolore e dei sintomi traslazionali all’Università del Maryland . “Non ci sono state scoperte analgesiche davvero trasformative dall’identificazione degli oppioidi”.

“I FANS e gli oppioidi funzionano con più o meno efficacia nel trattamento del dolore di varia origine. Sappiamo che l’approccio universale non funziona per tutti, dato che due persone con apparentemente la stessa lesione soffrono il dolore in modo diverso; alcuni si riprenderanno rapidamente con un dolore minimo, mentre altri svilupperanno dolore cronico”, ha sottolineato.

Alla domanda sul perché alcuni analgesici possono funzionare in alcuni e non in altri, il dottor Kevin Boehnke , ricercatore presso il Dipartimento di Anestesiologia e il Chronic Pain and Fatigue Research Center dell’Università del Michigan, ha spiegato che ci sono due fattori chiave.

Il primo, ha osservato, è “genetica e metabolismo”. Lui ha spiegato:

“Le persone metabolizzano i farmaci a velocità diverse. La stessa dose dello stesso farmaco potrebbe durare più a lungo e avere effetti più potenti nella persona A, un metabolizzatore lento, rispetto alla persona B, un metabolizzatore veloce. Queste differenze metaboliche potrebbero essere dovute a differenze genetiche, in cui alcune persone potrebbero avere predisposizioni genetiche verso un metabolismo più veloce o più lento di alcuni farmaci”.

Successivamente, ha notato che diversi tipi di dolore richiedono trattamenti diversi a causa dei diversi meccanismi sottostanti. Il dolore, ha detto, si presenta in tre “sapori:”

  • dolore nocicettivo: causato da danni ai tessuti o infiammazioni come ustioni o ossa rotte
  • dolore neuropatico da danno nervoso, conflitto o infiammazione come sciatica o sindrome del tunnel carpale
  • dolore nociplastico, che non può essere visto attraverso l’imaging, ma i ricercatori pensano che possa essere causato da una disfunzione del sistema nervoso centrale . È caratterizzato da dolore diffuso in tutto il corpo e include condizioni come la fibromialgia.

“Nel complesso, questi sapori di dolore possono manifestarsi isolatamente o co-accadersi e diversi tipi di dolore rispondono in modo diverso ai trattamenti. Ad esempio, i FANS sono spesso utili per il dolore nocicettivo, ma non aiutano molto per il dolore nociplastico”, ha aggiunto il dott. Boehnke.

La nanomedicina in soccorso?
… (continua sull’articolo originale in inglese)

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e