it Italiano
it Italiano

Viaggi, tamponi, certificati COVID-19

Viaggi, tamponi, certificati COVID-19

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Brevi comunicazioni per chi viaggia con compagnie aeree e verso paesi dove viene richiesto il tampone per la ricerca del virus SARS- CoV-2 o certificati medici di malattia COVID-19 e vaccinazioni per SARS-CoV-2.

CONSULTA LE SCHDE DEI PAESI META DEL TUO VIAGGIO CON INFO sulle ultime direttive e su cosa occorre per recarsi nei paesi di tua destinazione;


CLICCA QUI per prenotare il tuo TAMPONE MOLECOLARE O ANTIGENICO
accompagnato da CERTIFICATO INFETTIVOLOGICO COVID FREE O per prenotare il FIT TO FLY 

CLICCA QUI PER richiedere una VIDEOCONSULENZA con il dott. PAOLO MEO per avere INFORMAZIONI su COVID-19; vaccini e vaccinazioni, quale affidabilità e sicurezza; il significato dei risultati degli anticorpi IgM – IgG, livelli di copertura, resistenza al virus; INFORMAZIONI su COVID CRONICO;  

I viaggiatori internazionali, presso il Cesmet Clinica del Viaggiatore, per ottenere una certificazione medica infettivologica con allegato il referto del tampone, da presentare alle autorità doganali o al personale della Compagnia aerea o navale , devono:
1. redigere una autocertificazione sullo stato di salute, e su eventuali malattie avute nel recente passato;
2. all’atto della effettuazione del tampone antigenico rapido (risposta a vista) o del tampone molecolare (risposta a 6/12/48 ore), fornire la conferma dello stato di salute ed essere valutati dal personale sanitario;
3. portare la documentazione di avvenuta malattia o avvenuta vaccinazione;

Con  il “REFERTO DEL TAMPONE RT-PCR per COVID-19 ”   verrà rilasciata la certificazione medica richiesta

certificato covid free
certificato covid free

Ricordiamo che il certificato medico è un documento ufficiale di natura medico legale, che viene rilasciato per gli usi consentiti dalla legge. Le nostre risposte non sono semplici referti di laboratorio ma valutazione medica specialistica e certificazione medica con risposte in lingua inglese per chi viaggia. I risultati di laboratorio forniscono elementi utili al medico per certificare lo stato di salute e lo stato immunitario. In caso di risultato positivo del tampone molecolare verrà indicato il numero dei (Cicli di Amplificazione del genoma virale) che indicano la quantità di virus presente nella persona.

Il “certificato COVID FREE”:
rilasciato dal medico infettivologo dopo valutazione della autocertificazione del comportamento e dei sintomi passati; rilasciato con attenta valutazione di eventuali sintomi sospetti, e con la sicurezza derivante dalla negatività del TAMPONE MOLECOLARE.

Presso il Cesmet Clinica del Viaggiatore vengono rilasciati i seguenti certificati medici per COVID-19:
1. certificazione medica di tampone antigenico (rapido), in inglese, rilasciata a vista, con attestazione di stato di buona salute ed assenza di sintomi da COVID-19;
2.  certificazione medica di tampone molecolare RT-PCR, rilasciata in inglese a 6/12/48 ore  con attestazione buono stato di salute, assenza sintomi COVID, e assenza del virus COVID-19 (COVID FREE).
3. certificazione medica di avvenuta malattia COVID-19, presentando autocertificazione, tampone inizio malattia, tampone fine malattia e presenza anticorpi IgM-IgG per SARS-CoV-2;
4. certificazione di avvenuta vaccinazione o termine del ciclo di vaccinazione, presentando certificato del vaccino eseguito, del luogo e le date di somministrazione;

Il “certificato FIT TO FLY” (idoneità al volo):
viene rilasciato dal medico infettivologo valutata la storia dei comportamenti, viaggi e contatti; la storia sanitaria, dello stato fisico, e dopo un dialogo personale con il viaggiatore. Il medico conferma lo stato di salute e redige questo documento medico legale accettato da molte compagnie aeree.
La certificazione prende sempre in considerazione la storia della persona dal gennaio 2020 al momento del rilascio che viene validata e valutata dal colloqui medico – viaggiatore.      (PRENOTA il certificato)

Il certificato medico redatto valutando i parametri funzionali degli organi più esposti al virus e valutando la presenza o assenza degli anticorpi anti SARS-CoV-2 è la pratica che può fornire una risposta valida sia alle richieste delle compagnie aeree, che ai paesi di destinazione in assenza di tampone.

Ricordiamo che dopo un anno e mezzo dall’inizio della Pandemia il tampone MOLECOLARE RT-PCR continua ad essere, per la maggior parte dei paesi il test di elezione per l’individuazione del virus. E’ diventata una pratica richiesta per individuare eventuali soggetti asintomatici, ma che possono diffondere il virus senza saperlo. Le varianti del virus SARS-CoV-2, in particolare prima la variante inglese, poi quella Brasiliana e la Sud Africana, ed in fine la variante indiana hanno facilitato la circolazione del virus anche in soggetti asintomatici.  Questi soggetti devono dimostrare, entro le 72 ore prima del viaggio, il loro buono stato di salute e l’assenza del virus.

FIT TO FLY
FIT TO FLY

Chiariamo quindi definitivamente un concetto.
I “test sierologici per la ricerca degli anticorpi IgM – IgG di SARS-CoV-2”, quantitativi con tecnica Elisa o CLIA  (prelievo sangue venoso), forniscono risultati per valutare la risposta immunologica dell’organismo nei confronti del virus, o del vaccino effettuato.
I test sierologici forniscono dati sulla risposta dell’organismo. Solo il tampone, ossia la ricerca della presenza del virus nelle cellule dell’organismo, può escludere o confermare la presenza del virus stesso.

ALCUNE NOTE ENAC RIGUARDANTI I VIAGGI AEREI
  (Comunicato n. 73 del Ministero della Salute e l’ordinanza sul divieto di ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini.)

ENAC: Nuove disposizioni in merito all’imbarco di bagagli a mano

 

ORDINANZA MINISTERO SALUTE: disposizioni e decreto per viaggi all’estero

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e