it Italiano
it Italiano

Una nuova tecnologia può consentire una rapida diagnosi del virus Ebola

Una nuova tecnologia può consentire una rapida diagnosi del virus Ebola

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

Recensito da Emily Henderson, B.Sc.

Un nuovo strumento può identificare in modo rapido e affidabile la presenza del virus Ebola nei campioni di sangue, secondo uno studio condotto da ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis e colleghi di altre istituzioni.

La tecnologia, che utilizza i cosiddetti risuonatori ottici a microring, potrebbe potenzialmente essere trasformata in un test diagnostico rapido per la malattia mortale del virus Ebola , che uccide fino all’89% delle persone infette. Da quando è stato scoperto nel 1976, il virus Ebola ha causato dozzine di focolai, principalmente nell’Africa centrale e occidentale. Il più notevole è stato un focolaio iniziato nel 2014 che ha ucciso più di 11.000 persone in Guinea, Sierra Leone e Liberia; negli Stati Uniti il ​​virus ha causato 11 casi e due morti. Una diagnosi rapida e precoce potrebbe aiutare gli operatori sanitari pubblici a monitorare la diffusione del virus e ad attuare strategie per limitare i focolai.

Lo studio -; che ha coinvolto anche ricercatori dell’Università del Michigan, Ann Arbor e Integrated Biotherapeutics, una società di biotecnologie -; è pubblicato l’8 giugno in Cell Reports Methods.

Ogni volta che è possibile diagnosticare un’infezione in anticipo, è possibile allocare le risorse sanitarie in modo più efficiente e promuovere risultati migliori per l’individuo e la comunità. Utilizzando un biomarcatore dell’infezione da Ebola, abbiamo dimostrato che possiamo rilevare l’infezione da Ebola nei primi giorni cruciali dopo l’infezione. Pochi giorni fanno una grande differenza in termini di fornire alle persone le cure mediche di cui hanno bisogno e di interrompere il ciclo di trasmissione”.

Abraham Qavi, MD, PhD, co-primo autore, ricercatore post-dottorato alla Washington University

Il virus Ebola si trasmette per contatto con i fluidi corporei. Provoca febbre, dolori muscolari, diarrea e sanguinamento -; sintomi aspecifici che possono essere facilmente scambiati per altre infezioni virali o per la malaria. Negli ultimi anni sono stati sviluppati vaccini e terapie efficaci per l’Ebola, ma non sono ampiamente disponibili. Invece, i funzionari sanitari controllano il virus mortale contenendo i focolai. La strategia si basa sull’identificazione rapida delle persone infette e sulla prevenzione della trasmissione incoraggiando gli operatori sanitari a indossare indumenti protettivi.

 

(continua…)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e