it Italiano
it Italiano

Sondaggio: la telemedicina è ampiamente considerata un mezzo efficace per fornire assistenza

Sondaggio: la telemedicina è ampiamente considerata un mezzo efficace per fornire assistenza

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

Recensito da Emily Henderson, B.Sc.

Dopo aver sperimentato una rapida espansione all’inizio della pandemia di COVID-19, un nuovo sondaggio indica che la telemedicina è ora ampiamente considerata come un mezzo efficace per fornire cure.

Nei risultati pubblicati online il 15 giugno su NEJM Catalyst Innovations in Care Delivery, la maggioranza degli intervistati ha attribuito alla telemedicina il miglioramento della salute dei pazienti, la fornitura di cure di buona qualità e l’aumento dell’accesso alle popolazioni vulnerabili. Tuttavia, i risultati indicano anche sfide che devono essere affrontate man mano che questo campo diventa più consolidato.

La telemedicina è qui per restare. Le organizzazioni sanitarie devono davvero pensare ai prossimi passi per quanto riguarda il futuro dell’assistenza virtuale, ad esempio come integrarla nei nostri sistemi e come assicurarci di soddisfare le esigenze sia dei nostri medici che dei nostri pazienti”.

Dr. Rahul Sharma, professore e cattedra di medicina d’urgenza presso Weill Cornell Medicine e coautore

Il sondaggio, condotto a marzo, ha intervistato membri del Catalyst Insight Council di NEJM che sono medici, leader clinici e dirigenti di organizzazioni che forniscono assistenza. Il sondaggio ha ricevuto 984 risposte da tutto il mondo, 609 dagli Stati Uniti. Il dottor Sharma, che è anche medico di emergenza in capo presso il New York-Presbyterian/Weill Cornell Medical Center e direttore esecutivo del Center for Virtual Care presso Weill Cornell Medicine, ha aiutato a formulare le domande con il suo coautore, il dottor Judd E Hollander, vicepresidente senior dell’innovazione nell’erogazione dell’assistenza sanitaria presso il Sidney Kimmel Medical College della Thomas Jefferson University di Filadelfia.

Degli intervistati statunitensi, il 71% ha riferito che la telemedicina ha migliorato la salute dei pazienti, mentre una proporzione simile ha affermato che fornisce cure specialistiche o di salute mentale di qualità almeno moderata. Per le cure primarie, quella quota era dell’81%. Quando vengono incluse le risposte in tutti i paesi, i risultati differiscono solo leggermente da quelli degli intervistati statunitensi.

Nel frattempo, l’84% negli Stati Uniti ha convenuto che la telemedicina ha aumentato l’accesso per le popolazioni vulnerabili, un risultato che probabilmente riflette la capacità della telemedicina di raggiungere persone che altrimenti rimarrebbero senza cure, secondo il dottor Sharma. Nonostante questa statistica incoraggiante, le disparità permangono. L’accesso alla telemedicina, per ragioni che vanno dalle barriere linguistiche alla mancanza di una connessione Internet ad alta velocità, è stata classificata come la sfida numero uno per il settore.

(Continua…)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e