it Italiano
it Italiano
La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Qual è il ruolo dei magneti in medicina?

Qual è il ruolo dei magneti in medicina?

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati
Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

I magneti sono definiti come sostanze che possono generare un campo magnetico. I campi magnetici nella medicina moderna sono diffusi per le loro proprietà fisiche e chimiche. Pertanto, ci sono molti usi dei magneti nelle applicazioni mediche che vanno dall’uso dei magneti per la ritenzione al loro uso nella chirurgia cerebrale come guida per i cateteri.

I magneti permanenti hanno un maggiore uso clinico nelle protesi dentarie, nelle applicazioni maxillo-facciali, nella guarigione delle fratture, nei sistemi di somministrazione di farmaci, nell’ortopedia e negli scanner MRI.

Il ruolo dei magneti nella diagnosi e nel trattamento del cancro

Le modalità di imaging anatomico sono utilizzate prevalentemente in ambito clinico per lo screening, la diagnosi, la stadiazione e la guida dei trattamenti contro il cancro. Inoltre, svolgono un ruolo nel monitoraggio dei pazienti per la recidiva e nel determinare l’efficacia del trattamento. I magneti utilizzati nei dati di imaging sono essenziali per guidare il processo decisionale attuale.

Tuttavia, presentano uno svantaggio in quanto non possono essere utilizzati per informare le decisioni terapeutiche sull’effetto di un regime di trattamento specifico in relazione alla biologia tumorale unica di un paziente. Per quanto riguarda il futuro processo decisionale, le tecniche di imaging biologicamente sensibili possono catturare la fisiologia e la geometria dei tumori.

A tal fine, le tecnologie di imaging a risonanza magnetica come la risonanza magnetica pesata in diffusione (DW-) e la risonanza magnetica con contrasto dinamico (DCE-) possono consentire la risoluzione di istantanee dello stato 3D dello stato 3D di un tumore spesso trascurato quando le tecniche di imaging anatomico standard sono usati. DW-MRI può riferire sulla cellularità dei tumori, mentre DCE-MRI riporta sulla funzione vascolare; entrambe le tecniche possono essere correlate con la risposta del tumore alla terapia.

In combinazione con queste forme di risonanza magnetica, la tomografia a emissione di positroni con radiotraccianti può mappare lo stato dei recettori, l’ipossia e il metabolismo del glucosio. Queste tecniche di imaging sensibili guidate da magneti sono quindi considerate eccellenti candidate per l’integrazione con la biofisica per facilitare la segnalazione medica personalizzata sulla risposta terapeutica attraverso simulazioni al computer di modelli matematici.

L’uso dei magneti in medicina per la gestione del dolore

I magneti offrono un approccio terapeutico alternativo al dolore di diversi tipi, che comprende il dolore al piede o alla schiena derivante da artrite e fibromialgia.

Diversi prodotti magnetici sono disponibili e commercializzati con affermazioni di efficacia per ridurre il dolore. Tuttavia, c’è una scarsità di ricerche che indagano sulla capacità dei magneti di alleviare il dolore con successo.

In un recente studio condotto nel 2017, otto studi di revisioni sistematiche che hanno confrontato la magnetoterapia con altri trattamenti convenzionali per il trattamento del dolore hanno dimostrato che la magnetoterapia era inefficace nell’alleviare il dolore. Tuttavia, i magneti per alleviare il dolore sono pubblicizzati aneddoticamente, ma l’assenza di benefici comprovati è sconsigliata in ambito medico.

(continua…)

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e