Prima di partire, metti la salute in valigia

Prima di partire, metti la salute in valigia

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Viviamo in un mondo in cui le distanze sono sempre più ridotte, mentre aumentano le dimensioni del bagaglio a mano.
Per spirito di scoperta, per lavoro, per volontariato, per incontrare una persona amata, in media globalmente volano 100.000 aerei al giorno.
Inevitabilmente, qualsiasi sia la natura dello spostamento, ci si imbatte in abitudini e culture differenti. Cibi, clima, insetti, molteplici fattori di stress, tutto questo condiziona i nostri viaggi ed anche la nostra salute.
Per preparaci al meglio al viaggio, è importante conoscere quali saranno i cambiamenti a cui andremo incontro, e quali saranno le fonti di stress sulla nostra salute e le eventuali malattie presenti a cui dovremo fare attenzione, e quali accorgimenti mettere in pratica nelle piccole azioni quotidiane.
Per questo motivo, facciamo due chiacchiere con il Dottor Paolo Meo, Medico Infettivologo e Tropicalista, Presidente del CESMET, Centro di Medicina Preventiva e Tropicale di Roma.

Dottore, perché è importante che una persona prima di intraprendere un viaggio si rivolga ad uno specialista?

Ognuno di noi ha fatto e continua a fare le sue esperienze di viaggio, superando le tante difficoltà che si è trovato ad affrontare nel corso della vita. Ognuno di noi può indubbiamente consigliare amici e conoscenti o farsi consigliare sul modo migliore di vivere in certe zone del mondo. Ma avere un parere da chi conosce in modo approfondito i problemi e le dinamiche della salute può avere la sua importanza.
Non solo le situazioni nelle diverse aree del mondo mutano rapidamente, ma anche la presenza di malattie spesso poco note, la diffusione di insetti vettore di malattie anche pericolose, o situazioni poco conosciute, possono condizionare e rovinare il nostro soggiorno. Affidarsi ed informarsi da Medici specialisti in Medicina dei Viaggi è un sistema sicuramente utile ed efficace per aumentare la consapevolezza del viaggiatore e per prevenire spiacevoli rischi.
Queste figure dovrebbero essere persone fidate che conoscendo bene le situazioni locali, i loro cambiamenti nel tempo, la reale presenza di malattie aggressive, riescono a consigliare comportamenti, pratiche preventive, e modi per allontanare i rischi sanitari legati ai viaggi.

Quali sono i 3 principali consigli che potrebbe dare al viaggiatore indistintamente dalla meta?

La prima cosa è conoscere bene i posti dove ci si reca, avere un quadro chiaro, non solo dei luoghi più belli, o del miglior cibo da gustare, ma anche di eventuali rischi concreti, di malattie tipiche dell’area ed il loro reale rischio.
Soprattutto conoscere i migliori sistemi preventivi per rimanere in buona salute, per mantenere la propria energia fisica, superare lo stress da lunghi viaggi aerei, e per evitare il contatto ed il contagio con microbi o fattori negativi per la propria salute.
Altra attenzione da osservare riguarda la prevenzione dalle punture di insetto, in particolare di zanzare e zecche. Virus, parassiti malarici, batteri di vario tipo possono essere trasmessi da questi insetti vettore. Tranquilli, oltre una attenzione al vestiario e all’uso di zanzariere, adottare l’utilizzo di repellenti, tra i quali olio di Neem Compositum specifico per viaggio, è un’azione sicura ed efficace.
Altro elemento di attenzione riguarda gli alimenti e le bevande. Posto che viaggiamo per vedere nuovi posti ma anche per gustarne i cibi e le bevande caratteristiche, non posso consigliare rigide privazioni, ma semplicemente di agire con razionalità. Mangia, bevi, godi dei prodotti del luogo senza esagerare, cercando di mangiare cibi cucinati di recente, ma anche proteggendo il tuo intestino con delle profilassi sicure, efficaci che lo specialista ti può consigliare.
Un buon programma vaccinale contro il tifo, l’epatite A e batteri che favoriscono la diarrea in corso di viaggio, costituisce sicuramente la migliore prevenzione per le malattie da alimentazione in tutti i paesi del mondo.

Esistono dei vaccini obbligatori e non, quali sono quelli genericamente i più raccomandati?

L’unico vaccino obbligatorio per legge internazionale in alcuni paesi dell’Africa e dell’America Latina e Centrale è la Febbre Gialla. Indipendentemente dalla obbligatorietà e quindi della certificazione su libretto giallo, senza cui non si entra nel paese, dopo quasi 40 anni di Africa, il mio consiglio è questo. Non si va nei paesi di questi continenti senza effettuare questo vaccino sicuro e salva vita.
Tra i vaccini raccomandabili ovunque si viaggi il gruppo della protezione alimentare ( antitifica, antiepatite A, e antibatteri-colera ); il richiamo o l’effettuazione dell’ epatite B, per evitare contagi in strutture sanitarie poco raccomandabili;
la saggia consapevolezza che la vaccinazione contro la meningite, in particolare i 4 tipi presenti in tutto il mondo, insieme all’insidioso e pericoloso pneumococco, che tanti danni continua a fare anche sul nostro territorio.
Richiamare il tetano con difterite e polio è caldamente raccomandato dalla OMS. Non trascurerei in alcuni casi specifici, da farsi spiegare dal medico specialista, la protezione dalla rabbia per morso di animali in alcuni paesi,
e due vaccini specifici per alcuni paesi, ossia encefalite giapponese in Oriente, ed Encefalite da zecche in Nord ed Est Europa e in Medio Oriente.
Vaccinarsi potenzia e stimola il nostro sistema immunitario.

Come può un viaggiatore preparare al meglio la “piccola farmacia da valigia”?

Per prima cosa chi assume regolarmente farmaci deve portarne una scorta sufficiente per continuare le proprie terapie giornaliere, mai smettere i farmaci abituali in previsione del viaggio; tra i farmaci di base non dimenticate gli antifebbrili o antidolorifici, sono farmaci che non devono mancare insieme ad un antibiotico di base, di quelli che utilizzate abitualmente; utili pomate per l’infiammazione o le scottature. In questo caso, come detto precedentemente l’uso di olio di Neem Compositum (con Corymbria) e creme a base di Olivum, particolarmente protettive e reidratanti, sono le migliori anche per risolvere infiammazioni e scottature.
Un farmaco molto utile in viaggi, dalle molteplici azioni, generalmente privo di effetti collaterali ed efficace sia in prevenzione che in cura su infezione della cute, tipo foruncoli o altro, diarrea anche acuta e violenta, infezioni da punture di zecca, il temibile tifo esantematico, infezioni urinarie e sessuali di tipo batterico, è la doxiciclina 100 mg, una vecchia tetraciclina che noi malariologi indichiamo anche come ottimo antimalarico. Quindi con una piccola compressa, assunta con acqua a colazione, protegge in modo efficace da tante infezioni. Ma domandate sempre al medico di fiducia come utilizzarlo.
Le compresse di Rifaximina costituiscono un valido aiuto contro la diarrea da viaggio, in particolare per il trattamento. Fate particolare attenzione all’utilizzo di Imodium e farmaci simili, che avendo la funzione di blocco della diarrea, ossia un vero e proprio tappo intestinale, mantiene tutta la carica batterica all’interno dell’intestino.
Portate una confezione di bustine di “euclorina” da aggiungere in acqua, con cui lavare la ottima frutta e verdura da mangiare in abbondanza durante i viaggi.
Questa la piccola scorta di medicine da avere durante i viaggi, ovunque nel mondo.

Dopo questi preziosi consigli, non ci resta che augurare un buon viaggio a tutti i Viaggiatori!

Beatrice Formenti

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e