it Italiano
it Italiano

Ortobiologia: come la medicina rigenerativa può fare la differenza in chirurgia ortopedica

Ortobiologia: come la medicina rigenerativa può fare la differenza in chirurgia ortopedica

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

Sfide nei trattamenti ortopedici convenzionali

Non sai mai quando potresti aver bisogno di vedere un chirurgo ortopedico. Dalla culla alla bara, gli incidenti e gli infortuni sono una parte inevitabile della vita, con le articolazioni che stanno peggio per questo. Anche se puoi evitare incidenti, l’usura delle articolazioni può portare all’artrite, con una stima di 150.000 protesi di ginocchio e anca eseguite ogni anno negli Stati Uniti, che si prevede triplicherà entro il 2040.

Mentre i giovani e in forma possono riprendersi dagli infortuni con un trattamento convenzionale, potremmo scoprire che le nostre articolazioni non rispondono allo stesso modo in cui invecchiamo. I tessuti come la cartilagine, i legamenti e i tendini hanno una capacità molto ridotta di rigenerarsi e guarire da soli, il che peggiora con l’età. Ricorriamo spesso a protesi articolari e procedure invasive per riparare le nostre articolazioni quando i nostri corpi non possono.

Tradizionalmente la scelta è tra la gestione conservativa: terapia fisica, ausili per la mobilità, iniezioni di steroidi e procedure chirurgiche, inclusa la sostituzione dell’articolazione. Le misure conservative possono essere meno efficaci, ma la chirurgia invasiva comporta dolore e rischi medici. Con il modello di trattamento convenzionale, la domanda diventa: dovresti mettere a rischio la tua salute o la tua mobilità?

Medicina rigenerativa: la soluzione?

La medicina rigenerativa è un nuovo campo della medicina in cui i chirurghi ortopedici mirano ad allontanarsi dalla sostituzione e alla conservazione dell’articolazione. Usando gli ortobiologici, possiamo fornire al tuo corpo le cellule, i materiali e la stimolazione di cui ha bisogno per guarire senza che tu vada mai sotto i ferri.

Presa alla lettera, questa sembra essere una soluzione ideale a tutti i nostri problemi. La promessa della medicina rigenerativa in ortopedia è un futuro in cui una sostituzione articolare può essere posticipata il più a lungo possibile, offrendo magari una soluzione a lunghe liste di attesa per i trapianti per altre discipline della medicina. Tuttavia, come con qualsiasi nuova forma di trattamento, la medicina rigenerativa non è esente da controversie. Il principale dibattito in ortobiologia è se il corpo di prove attualmente supporta l’incorporazione delle tecniche di medicina rigenerativa nelle linee guida nazionali e nelle strategie di trattamento convenzionale.

Casi di studio e prove aneddotiche spesso supportano gli ortobiologici (sostanze biologiche che i chirurghi ortopedici possono utilizzare per aiutare il corpo a guarire) come opzione di trattamento. Tuttavia, la dimensione e la coerenza degli studi disponibili sono ancora un problema. Ci sono molte prove a sostegno delle tecniche di medicina rigenerativa in circostanze specifiche come l’artrosi e la tendinopatia. Tuttavia, sarà necessaria una base di prove più ampia prima che questi trattamenti siano accettati come pratica standard in circoli ortopedici più ampi. Inoltre, non possiamo aspettarci che studi più ampi dimostrino l’efficacia di queste terapie, con alcune meta-analisi che mostrano solo un’efficacia marginale del plasma ricco di plasma e ne sconsigliano l’uso come trattamento conservativo.

La storia della medicina rigenerativa

L’idea alla base della medicina rigenerativa non è nuova. La prima storia che descrive in dettaglio la capacità rigenerativa del corpo proviene dalla mitologia greca attorno al dio Prometeo, che fu punito per aver rubato il fuoco e averlo donato all’umanità. Prometeo fu incatenato a una roccia perché l’aquila di Zeus mangiasse il suo fegato, giorno dopo giorno, con il suo fegato che si rigenerava durante la notte. Questa storia ci porta a credere che gli antichi greci fossero consapevoli della capacità del fegato di ricrescere e rigenerarsi a questo punto della storia. In ortopedia, la prima procedura “rigenerativa” conosciuta risale al 500 aC, dove i soldati romani con sedi articolari venivano trattati con terapia con ago caldo.

Le moderne terapie ortopediche nella medicina rigenerativa si sono sviluppate negli ultimi 80 anni, concentrandosi sulla modifica della risposta curativa nel corpo. Negli anni ’40, Magnuson descrisse un trattamento per l’artrosi mediante un ampio sbrigliamento del ginocchio. Questo trattamento consolidato è stato successivamente sostituito da terapie che includevano l’induzione della guarigione mediante irritazione dell’articolazione tramite iniezione di soluzione salina (proloterapia – Hackett et al. 1956), perforazione della cartilagine artritica (Pridie 1959) e microfrattura della cartilagine (Steadman 1984). .

Più recentemente, la medicina rigenerativa si è concentrata sull’impianto di cellule per avviare la guarigione nelle strutture muscolo-scheletriche, con l’introduzione di interventi moderni come il plasma ricco di piastrine, le cellule staminali mesenchimali e le iniezioni di biomateriali che possono indurre una risposta di guarigione.

Medicina rigenerativa e ortobiologia nel 2022

I moderni trattamenti di medicina rigenerativa ortopedica faticano ancora a trovare un posto all’interno della pratica standard e delle grandi organizzazioni sanitarie, a causa del dibattito sul fatto che la base di prove attualmente ne supporti l’uso. Terapie come il plasma ricco di piastrine e le iniezioni di cellule staminali derivate da cellule adipose (cellule adipose) spesso richiedono ai pazienti di pagare di tasca propria poiché le compagnie assicurative si rifiutano di coprire queste forme di trattamento.

(Continua…)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e