it Italiano
it Italiano

Metaverso: dov’é l’etica medica?

Metaverso: dov’é l’etica medica?

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Pubblichiamo la traduzione automatica di un interessante corollario all’articolo sul metaverso ‘medico’, pubblicato sul sito medscape.com e riportato su questa rubrica Ultim’Ora del sito clinicadelviaggiatore.com (corollario peraltro espresso, dal dottor Arthur L. Caplan, a maggio 2022, cioé prima della pubblicazione dell’articolo di cui sopra); ci sembra interessante un parere sulla medicina nel metaverso da parte di un esperto di etica medica nonché commentatore su questioni bioetiche.

Traduzione automatica dal sito medscape.com

———————————————————-

Sono Art Caplan e sono alla Division of Medical Ethics della Grossman School of Medicine della New York University.

Alcuni di voi sanno che Mark Zuckerberg ha creato un’entità più grande della sua compagnia di Facebook chiamata Meta; quello di cui sta parlando è un’azienda che cercherà di creare un mondo artificiale usando Internet in futuro: il cosiddetto metaverso.

Pensa a situazioni in cui vedi i giochi ora, in cui le persone indossano cuffie e sono coinvolte nei videogiochi. Qualcosa come quello che viene chiamato Oculus, in cui fondamentalmente hai immagini trasmesse direttamente nei tuoi occhi indossando una specie di sistema di occhiali, e sembra assolutamente reale. Puoi fare un safari. Potresti fare un’escursione su un’alta montagna. Potresti viaggiare nello spazio. Puoi fare quasi tutto all’interno di quel metaverso ancora alquanto primitivo.

Ci sono anche persone che lavorano per cercare di creare sensazioni nel metaverso. Un’azienda giapponese ha recentemente riferito di aver trovato il modo di collegare sensori alle persone in modo che possano sentire la loro pelle formicolio o altre sensazioni come parte di questa idea di essere immersi in un ambiente artificiale. Per quelli di voi che sono fan di Star Trek , è il ponte ologrammi. In pratica entri in un mondo di video, suoni e sensazioni creato artificialmente.

Anche se sembra fantascienza, alcuni elementi sono già qui. Quando usiamo Internet per fare questo tipo di comunicazione, ti sto contattando tramite un mezzo elettronico. Anche se siamo molto distanti, posso comunque essere una presenza e parlare con te e possiamo avviare una discussione e un dibattito. Sarebbe sembrato incredibile ai nostri bisnonni, per esempio.

Se lo metti sotto steroidi, hai un mondo in cui il tuo paziente un giorno potrebbe venire da te e dire: “Mi sento ansioso e depresso. Sono sopraffatto dall’ansia”. Il rimedio potrebbe essere dire: “Va bene, indossa questo sistema di occhiali ed entra in un universo in cui possiamo esporti a cose che ti rendono nervoso e cercare di ridurre le tue fobie, giocare a tecniche con te che potrebbero aiutarti a essere meno ansioso, o fare cose con te che potrebbero alleviare lo stress”.

All’estremo opposto, e se avessi impulsi e desideri strani, aberranti o pericolosi? Puoi assecondarli in questo nuovo mondo nel metaverso?

Abbiamo bisogno di regole, poiché questa tecnologia inizia ad apparire, che disciplini ciò che può essere fatto, ciò che non può essere fatto, ciò che è accettabile da fare e chi può guardare cosa sta succedendo se ti trovi in ​​uno di questi spazi. Potresti dire che non devi preoccuparti di questo o che te ne preoccuperai quando accadrà – sta accadendo. Sta arrivando molto velocemente. I piccoli giocattoli di oggi venduti ai bambini includono l’Oculus e così via, per giocare e vivere avventure.

Penso che molto presto finiremo nello studio del dottore o in ospedale perché le persone possano fare interventi di salute mentale molto più intensivi, fare cose che permettano alle persone di liberarsi dei cattivi impulsi o fare cose che non permetteremmo mai loro di fare nel “mondo reale”.

Probabilmente potremmo vedere persone dire: “Bene, vai lì e io ti osserverò e vedrò se stai prendendo le tue medicine o facendo cose per essere conforme o seguendo le istruzioni”.

Quanta osservazione? Quanta privacy? Cosa sarà appropriato? Non ho ancora le risposte su come fare l’etica medica del metaverso, ma so che il mondo sta arrivando. So che diventerà una parte fondamentale del funzionamento della medicina e dell’assistenza sanitaria.

 

Penso che sia eccitante. Penso che ci dia strumenti e armi potenti nella battaglia contro malattie e malattie, ma penso anche che ci sia la possibilità di abusi.

Penso che i nostri concetti su questioni come riservatezza e privacy dovranno essere ripensati quando inizierai a vedere il paziente da qualche parte nel mondo creato elettronicamente piuttosto che nel tuo ufficio.

—————————————————————

Arthur L. Caplan, PhD, è direttore della Divisione di etica medica presso il Langone Medical Center e la School of Medicine della New York University. È autore o editore di 35 libri e 750 articoli sottoposti a revisione paritaria, nonché commentatore frequente nei media su questioni bioetiche.

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e