it Italiano
it Italiano

Long COVID: sonno interrotto e affaticamento, sono comuni mesi dopo l’infezione

Long COVID: sonno interrotto e affaticamento, sono comuni mesi dopo l’infezione

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: www.medicalnewstoday.com

Scritto da Robby Berman il 17 giugno 2022 – Fatto verificato da Alexandra Sanfins, Ph.D.

  • I ricercatori della Cleveland Clinic hanno scoperto che quasi due terzi delle persone sono affaticate e circa la metà sperimenta disturbi del sonno mesi dopo un’infezione acuta da COVID-19.
  • L’interruzione del sonno da moderata a grave è tre volte più comune tra i neri dopo essersi ripresi da COVID-19.
  • L’ansia è anche collegata all’aumento dell’interruzione del sonno LongCOVID.
  • Lo studio sottolinea la necessità di caratterizzare i determinanti e le disparità specifici della razza nei sopravvissuti a COVID-19.

Tutti i dati e le statistiche si basano su dati pubblicamente disponibili al momento della pubblicazione. Alcune informazioni potrebbero non essere aggiornate. Visita il nostro hub sul coronavirus per le informazioni più recenti sulla pandemia di COVID-19.

Problemi di sonno e affaticamento sono tra i sintomi spesso segnalati della condizione nota come ” long covid “. Una nuova ricerca della Cleveland Clinic in Ohio presenta i risultati dei ricercatori che indagano sui problemi del sonno nelle persone che si sono riprese da COVID-19.

Secondo la ricerca, quasi la metà di coloro che si sono ripresi da COVID-19 hanno problemi di sonno almeno moderati.

La ricerca è stata presentata a giugno a Sleep 2022 , un incontro delle Associated Professional Sleep Societies, una joint venture tra l’American Academy of Sleep Medicine (AASM) e la Sleep Research Society (SRS).

C’è il rischio di sviluppare un long COVID anche per i vaccinati e i ricercatori suggeriscono che la condizione può persistere per anni per alcune persone.

I ricercatori hanno analizzato le esperienze di 962 pazienti della Cleveland Clinic ReCOVer Clinic tra febbraio 2021 e aprile 2022. Gli individui hanno compilato le sezioni del questionario sui disturbi del sonno e sull’affaticamento del sistema informativo di misurazione dei risultati segnalati dai pazienti (PROMIS) del National Institutes of Health .

La clinica ha scoperto che i suoi pazienti neri avevano una probabilità tre volte maggiore di avere disturbi del sonno da moderati a gravi dopo essersi ripresi da COVID-19.

Un altro fattore associato a un’incidenza di disturbi del sonno superiore alla media era l’ansia.

Dopo aver preso in considerazione l’età, la razza, il sesso e l’indice di massa corporea, l’analisi ha concluso:

  • Dopo il recupero da COVID-19, il 41,3% dei pazienti ha riportato disturbi del sonno almeno moderati e l’8% ha descritto gravi problemi di sonno.
  • Più di due terzi dei pazienti (67,2%) hanno riportato affaticamento moderato.

L’autrice principale dello studio, la dott.ssa Cinthya Pena Orbea , racconta a Sleep 2022 :

“Il nostro studio suggerisce che la prevalenza di disturbi del sonno da moderati a gravi è alta e che [la] razza nera conferisce maggiori probabilità di soffrire di disturbi del sonno da moderati a gravi, evidenziando l’importanza di comprendere ulteriormente i determinanti specifici della razza dei disturbi del sonno al fine di sviluppare interventi specifici per razza”.

L’abstract che include i dati da febbraio a novembre 2021 è pubblicato su OXFORD Academic SLEEP .

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e