it Italiano
it Italiano

L’importanza dell’informatica clinica

L’importanza dell’informatica clinica

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: news-medical.net

L’informatica clinica (CI) è un nuovo campo della tecnologia dell’informazione, chiamato anche informatica sanitaria. Si occupa dell’uso della tecnologia e degli strumenti di analisi dei dati per fornire una migliore assistenza ai pazienti.

Secondo l’American Medical Informatics, CI si riferisce all ‘” applicazione dell’informatica e della tecnologia dell’informazione per fornire servizi sanitari “. Una definizione più dettagliata dell’Accreditation Council for Graduate Medical Education (ACGME) la descrive come: ” La sottospecialità di tutte le specialità mediche che trasforma l’assistenza sanitaria analizzando, progettando, implementando e valutando i sistemi di informazione e comunicazione per migliorare l’assistenza ai pazienti, migliorare l’accesso prendersi cura, migliorare i risultati di salute dell’individuo e della popolazione e rafforzare la relazione medico-paziente “.

CI utilizza le informazioni sui pazienti provenienti da cartelle cliniche elettroniche (EHR), imaging medico, sistemi di gestione del letto e identificazione a radiofrequenza (RFID) per tenere traccia delle apparecchiature mediche e dei pazienti che necessitano di un attento monitoraggio o devono essere facilmente accessibili dai loro medici, nonché portali sicuri per lo scambio di informazioni sanitarie. Tali dati vengono archiviati, elaborati e distribuiti a tutti coloro che sono coinvolti nell’elaborazione del piano di trattamento del paziente.

Importanza

Gli specialisti della CI valutano l’efficacia del funzionamento di tali sistemi informativi, il modo in cui i dati vengono utilizzati e come le cose possono essere migliorate. Usano l’informatica, la cura dei pazienti, la gestione sanitaria e le conoscenze delle scienze dell’informazione per rendere il flusso di dati più snello, migliorare i risultati sanitari, aiutare i medici e altro personale clinico a relazionarsi meglio con i loro pazienti e viceversa.

Per fare ciò, devono essere soddisfatti i requisiti fondamentali:

  • Le esigenze di cura del paziente devono essere definite
  • Occorre chiarire le esigenze del personale medico e paramedico
  • Il flusso di lavoro clinico deve essere definito in modo chiaro e migliorato ove necessario

I sistemi CI risultanti sono adattati alla situazione locale, applicabili in più discipline e sono costantemente in grado di essere aggiornati in base alle mutevoli esigenze. L’interoperabilità è essenziale per migliorare l’assistenza ai pazienti, oltre a rendere disponibili i dati per la salute pubblica e la ricerca clinica.

Così è la capacità di ricercare le informazioni sui pazienti, la chiave di volta della medicina basata sull’evidenza (EBM) nei singoli casi. Inoltre, la telemedicina e la telemedicina dipendono dall’IC.

Benefici

Alcuni vantaggi dell’IC ottimizzato includono una migliore gestione sanitaria complessiva, la qualità superiore dell’assistenza, una maggiore produttività grazie a flussi di lavoro più mirati e semplificati, una maggiore efficienza amministrativa, meno errori medici, una migliore comunicazione con il paziente e costi inferiori dovuti a tutto quanto sopra .

Tenuta dei registri

L’uso dell’EHR ha trasformato la conservazione delle cartelle cliniche dei pazienti e ha quindi consentito una migliore gestione di tali cartelle. Tali registrazioni includono le informazioni raccolte dal paziente o dalla famiglia, nonché quelle ottenute dai test utilizzati e le conoscenze mediche dei medici e altre risorse.

Condividere informazioni

Un’applicazione importante della CI è lo scambio di informazioni sanitarie HIE, che è lo ” scambio di informazioni sanitarie per l’assistenza ai pazienti attraverso i tradizionali confini aziendali nell’assistenza sanitaria “.

La possibilità di scambiare in sicurezza le informazioni sanitarie significa che tutti i dati relativi alla gestione di un determinato paziente possono essere condivisi liberamente e istantaneamente tra il paziente ei vari professionisti coinvolti nella cura del paziente. Ciò consente loro di prendere decisioni coordinate e migliora la qualità delle cure.

I pazienti possono anche condividere le proprie informazioni con le persone a loro vicine o anche con altri pazienti mentre aggiornano il proprio team medico sullo stato di salute attuale. Anche la condivisione diretta delle informazioni con i pazienti potrebbe migliorare l’alfabetizzazione sanitaria.

Questo è un vantaggio pratico che contribuisce alla ricerca medica e migliora il modo in cui viene fornita l’assistenza sanitaria. Ad esempio, i farmaci che in precedenza hanno prodotto reazioni avverse possono essere evitati da tutti gli esperti coinvolti nella cura del paziente, riducendo gli errori medici e promuovendo il benessere del paziente.

Allo stesso tempo, tutte le informazioni non sono uguali. Una grande quantità di informazioni inaffidabili o irrilevanti, o una vera e propria disinformazione, viene condivisa tra i pazienti, aumentando l’ansia e/o riducendo la fiducia nei loro operatori sanitari. La CI può aiutare a indirizzare sia i pazienti che i fornitori verso fonti che diffondono informazioni di alta qualità, promuovendo così un’assistenza centrata sul paziente.

Evitare gli errori

Gli errori medici causano quasi 100.000 morti all’anno, secondo una serie di rapporti dell’Istituto di Medicina (IOM). È stato stimato che tali errori si verificano fino a un quinto delle visite oncologiche pediatriche e in circa una visita oncologica su quindici adulti, con potenziali danni possibili in quasi il 60% di esse. Gli eventi avversi da farmaci (ADE) sono stati documentati in circa 7 pazienti su 100 ospedalizzati.

Diversi ricercatori hanno dimostrato che le informazioni mancanti sono responsabili di decisioni e cure cliniche non ottimali.

Tali errori sono costosi e portano a circa 40 miliardi di dollari in cure e risarcimenti all’anno solo negli Stati Uniti. L’uso di CI riduce il tasso di errore. L’immissione computerizzata degli ordini del fornitore (CPOE) è un’unica pratica che può ridurre la degenza ospedaliera non necessaria, i test di laboratorio e le spese totali di trattamento, oltre a incoraggiare la prescrizione di farmaci altrettanto efficaci e meno costosi al posto di quelli costosi.

Ad esempio, l’utilizzo di EHR evita la necessità di decifrare scarabocchi illeggibili, errori derivanti da dosaggi di farmaci calcolati in modo errato ed errori nella somministrazione del farmaco. Anche in questo caso, un buon sistema di segnalazione consente di portare a conoscenza delle autorità gli errori del personale. I sistemi di calcolo automatizzato per il dosaggio del paziente potrebbero evitare errori in quest’area.

Efficienza

Un’altra fonte di riduzione dei costi è l’eliminazione delle attività manuali e ridondanti, come la raccolta e l’inserimento dei risultati degli esami del sangue. Ciò garantisce che i risultati di laboratorio possano essere visualizzati e agiti in modo tempestivo, riducendo le possibilità di reclami per negligenza.

(Articolo completo in lingua inglese qui…)

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e