it Italiano
it Italiano
La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

Gli ingegneri sviluppano adesivi che possono vedere all’interno del corpo

Gli ingegneri sviluppano adesivi che possono vedere all’interno del corpo

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati
Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: sciencedaily.com

Fonte: Istituto di Tecnologia del Massachussetts

L’imaging a ultrasuoni è una finestra sicura e non invasiva sul funzionamento del corpo, che fornisce ai medici immagini dal vivo degli organi interni di un paziente. Per acquisire queste immagini, tecnici qualificati manipolano le bacchette e le sonde a ultrasuoni per dirigere le onde sonore nel corpo. Queste onde si riflettono all’esterno per produrre immagini ad alta risoluzione del cuore, dei polmoni e di altri organi profondi di un paziente.

Attualmente, l’ecografia richiede apparecchiature ingombranti e specializzate disponibili solo negli ospedali e negli studi medici. Ma un nuovo design degli ingegneri del MIT potrebbe rendere la tecnologia indossabile e accessibile quanto l’acquisto di cerotti in farmacia.

In un articolo apparso oggi su Science , gli ingegneri presentano il progetto di un nuovo adesivo a ultrasuoni, un dispositivo delle dimensioni di un francobollo che si attacca alla pelle e può fornire immagini ecografiche continue degli organi interni per 48 ore.

I ricercatori hanno applicato gli adesivi ai volontari e hanno mostrato che i dispositivi hanno prodotto immagini dal vivo ad alta risoluzione dei principali vasi sanguigni e degli organi più profondi come il cuore, i polmoni e lo stomaco. Gli adesivi hanno mantenuto una forte adesione e hanno catturato i cambiamenti negli organi sottostanti mentre i volontari eseguivano varie attività, tra cui sedersi, stare in piedi, fare jogging e andare in bicicletta.

Il design attuale richiede il collegamento degli adesivi a strumenti che traducono le onde sonore riflesse in immagini. I ricercatori sottolineano che anche nella loro forma attuale, gli adesivi potrebbero avere applicazioni immediate: ad esempio, i dispositivi potrebbero essere applicati ai pazienti in ospedale, in modo simile agli adesivi ECG per il monitoraggio del cuore, e potrebbero visualizzare continuamente gli organi interni senza richiedere un tecnico per mantenere una sonda in posizione per lunghi periodi di tempo.

Se i dispositivi possono essere realizzati per funzionare in modalità wireless, un obiettivo per il quale il team sta attualmente lavorando, gli adesivi per ultrasuoni potrebbero essere trasformati in prodotti di imaging indossabili che i pazienti potrebbero portare a casa dallo studio di un medico o persino acquistare in farmacia.

“Prevediamo che alcune patch aderiscano a diverse posizioni del corpo e le patch comunicherebbero con il tuo cellulare, dove gli algoritmi di intelligenza artificiale analizzerebbero le immagini su richiesta”, afferma l’autore senior dello studio, Xuanhe Zhao, professore di ingegneria meccanica e civile e ingegneria ambientale al MIT. “Riteniamo di aver aperto una nuova era dell’imaging indossabile: con alcune patch sul tuo corpo, potresti vedere i tuoi organi interni”.

Lo studio include anche gli autori principali Conghe Wang e Xiaoyu Chen e i coautori Liu Wang, Mitsutoshi Makihata e Tao Zhao del MIT, insieme a Hsiao-Chuan Liu della Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota.

Un problema appiccicoso

Per eseguire l’immagine con gli ultrasuoni, un tecnico applica prima un gel liquido sulla pelle di un paziente, che agisce per trasmettere le onde ultrasoniche. Una sonda, o trasduttore, viene quindi premuta contro il gel, inviando onde sonore nel corpo che echeggiano dalle strutture interne e tornano alla sonda, dove i segnali echeggiati vengono tradotti in immagini visive.

Per i pazienti che richiedono lunghi periodi di imaging, alcuni ospedali offrono sonde fissate a bracci robotici che possono tenere un trasduttore in posizione senza stancarsi, ma il gel liquido per ultrasuoni scorre via e si asciuga nel tempo, interrompendo l’imaging a lungo termine.

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno esplorato progetti per sonde ecografiche estensibili che fornirebbero immagini portatili e di basso profilo degli organi interni. Questi progetti fornivano una serie flessibile di minuscoli trasduttori a ultrasuoni, con l’idea che un tale dispositivo si sarebbe allungato e si sarebbe conformato al corpo del paziente.

Ma questi progetti sperimentali hanno prodotto immagini a bassa risoluzione, in parte a causa del loro allungamento: muovendosi con il corpo, i trasduttori si spostano l’uno rispetto all’altro, distorcendo l’immagine risultante.

“Uno strumento di imaging a ultrasuoni indossabile avrebbe un enorme potenziale nel futuro della diagnosi clinica. Tuttavia, la risoluzione e la durata dell’imaging dei cerotti ecografici esistenti è relativamente bassa e non possono visualizzare gli organi profondi”, afferma Chonghe Wang, uno studente laureato del MIT.

Uno sguardo interiore

Il nuovo adesivo a ultrasuoni del team del MIT produce immagini a risoluzione più elevata per una durata maggiore accoppiando uno strato adesivo elastico con una serie rigida di trasduttori. “Questa combinazione consente al dispositivo di conformarsi alla pelle mantenendo la posizione relativa dei trasduttori per generare immagini più chiare e precise”. Dice Wang.

(Continua…)

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e