it Italiano
it Italiano

COVID-19: VARIANTI, SOTTOVARIANTI E LIGNAGGI. La situazione di fine anno 2022

COVID-19: VARIANTI, SOTTOVARIANTI E LIGNAGGI. La situazione di fine anno 2022

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

ULTIME DAL FRONTE COVID-19

05 GENNAIO 2023
redazione e commento dr. Paolo Meo

OSSERVAZIONI
Dalle osservazioni epidemiologiche e cliniche effettuate in tutto il mondo possiamo affermare con una certa sicurezza che le attuali manifestazioni cliniche derivanti dal Covid-19 hanno diminuito la loro aggressività e quindi non ci sono prove di maggiore virulenza dei virus attuali. La mortalità si mantiene costante o è diminuita rispetto a queste varianti attualmente sotto monitoraggio rispetto alle precedenti ‘versioni’ di Omicron”.
L’evidenza attuale mostra la “pandemia ancora attiva”, con fiammate periodiche legate soprattutto all’insorgenza di nuove varianti ma anche una immunità naturale acquisita, in tutto il mondo, attraverso le ripetute infezioni, dovute alla capacità infettante del virus, asintomatiche o manifeste. Ed una immunità acquisita mediante i cicli vaccinali effettuati in tutto il mondo, con la somministrazione di vaccini efficaci che hanno alzato le difese degli organismi abbassando la soglia di quelle reazioni particolarmente violente con manifestazioni che spesso portavano ad un aggravamento ed al decesso dei malati di Covid-19. Ciò comporta un lento equilibrio ed una lieve convivenza tra i diversi tipi di SARS-CoV-2 e l’uomo.
La attuale drammatica situazione cinese dimostra che la diffusione del virus tra le popolazioni in tutto il mondo, che induce crescenti risposte difensive, e la somministrazione di “vaccini efficaci” con una periodicità studiata per stimolare una reazione immunitaria in una popolazione mondiale “vergine”, stanno diminuendo la letalità del virus consentendo lentamente una convivenza tra virus ed organismo umano. Tutto questo fino a che la comparsa di mutazioni di virus pericolose potranno indurre una diffusione di varianti aggressive.
La storia attuale della Cina ci insegna che lasciare la popolazione libera di far circolare il virus, e continuare con le campagne di vaccinazioni, secondo regole studiate e ben precise, sono le uniche strade per arriva a superare questa Pandemia che da 3 anni sta affliggendo l’umanità. 


ULTIMI DATI EPIDEMIOLOGICI

CINA: in questi primi giorni di gennaio 2023 continua a dilagare la variante Omicron BF.7 creando una tempesta perfetta, con un numero di decessi impressionante.
ITALIA: a fine dicembre ‘22 l’Istituto Superiore di Sanità ha comunicato che la variante OMICRON ha raggiunto il 100% dei casi su tutto il territorio nazionale e che la sotto variante BQ.1, la cosiddetta “variante Cerberus”, con tutte le sue derivate, è in “significativo aumento”. Ha raggiunto il 64,1% dei casi, contro il 30,7% della precedente indagine dell’8 novembre, sul totale dei campioni BA.5 (OMICRON).

MONDO:
OMS conferma l’ascesa di “Centaurus”. La variante “BA.2.75 CENTAURUS” è l’evoluzione della già nota sotto variante Omicron 5 del SARS-CoV-2. Questa sotto variante ha preso il nome della costellazione e dell’animale mitologico uomo/cavallo grazie ad un Twitter che l’ha definita così. Questa variante è una ulteriore evoluzione del Covid-19.

Altri dati per sapere con chi conviviamo in questo periodo in Italia:
(1) OMICRON BA.5 rimane ampiamente predominante, con una prevalenza a livello nazionale pari a 90,6%;
(2) BA.4, la precedente sotto variante continua il suo decremento, da una prevalenza pari a 1.95% a 0,3%
Una fotografia sullo stato attuale eseguita da ISS con la partecipazione di tutte le Regioni e la Sanità Militare, ci mostra questa prevalenze:
– 100% dei casi attribuiti alla variante Omicron;
di questi:
– BA.2 riguarda il 6,2% dei casi (range: 0% -12,8%); nelle diverse regioni.
– BA 4 riguarda il 0,3% dei casi (range: 0% -14,3%);
– BA 5 riguarda il 90,6% (range: 77,3% – 100,0%).
Omicron/omicron il 3,0% dei casi (range 0%-10,6%)

Quindi il quadro in Italia dei “sotto-lignaggi della variante BA.5” è sovrapponibile ad altri paesi europei e mostra:
– BQ.1.n, la cosiddetta “Cerberus” in forte ascesa pari al 64,1;
– BF.7.n cresce al 9,6% delle sequenze analizzate.
– XBB, una ricombinante dei sotto-lignaggi omicron BJ.1 e BM.1.1.1, è segnalata in alcuni casi ed è da considerare tra le varianti altamente trasmissibili e con mutazioni associabili a capacità di “immune evasione”, ossia di evitare l’attacco delle difese immunitarie.
– BA.2: di questa variante sono stati identificati 25 sotto-lignaggi;
– BA.2.75 corrisponde alla cosiddetta ‘Centaurus’ e relativi sotto-lignaggi e manifesta elevata capacità diffusiva e capacità di eludere le difese da vaccini o malattie pregresse.

Il “bollettino epidemiologico settimanale” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nell’ultima edizione di fine anno che il 99,7% dei casi COVID-19 sono stati rappresentati da Omicron.

Nell’ universo della variante Omicron in tutto il mondo:
– BA.5 continua a diminuire ma rappresenta ancora il 68,4%;
– BA.2 sale al 12,6% dei casi per la crescita della sua sottovariante BA.2.75 la così detta “Centaurus”.
A fine anno 2022 6 varianti sono sotto monitoraggio per la possibile pericolosità sia diffusiva che aggressiva. Queste rappresentano il 72,9% degli ultimi casi e hanno sostituito i precedenti lignaggi discendenti da BA.5.
– BQ.1, variante “Cerberus”, rappresenta il 42,5%;
– BA.5 con una o più mutazioni rappresenta il 13,4%;
– BA.2.75, variante Centaurus rappresenta il 9,8% dei casi, caratterizzata dalla capacità di diffondere;
– XBB variante Gryphon rappresenta il 6,1%;
– BA.4.6 rappresenta l’1% dei casi;
– BA.2.30.2 rappresenta lo 0,1% dei casi.

 

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

ChatGPT

ChatGPT è un software di intelligenza artificiale che può dialogare via internet con l’utente su vari argomenti Per le vostre prove ChatGPT …

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) da: scitechdaily.com Quali sono le chiavi per un invecchiamento “di successo” o ottimale? Un nuovo studio ha …

malaria

Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) dal sito web di BioNTech: BioNTech avvia la sperimentazione clinica di fase 1 per il vaccino contro …

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e