Unica sede:
via dei Gracchi, 134 - Roma
Tel.: +39 06 39030481 (IT-EN)

Unica sede:
via dei Gracchi, 134 - Roma
Tel.: +390639030481

Epatite B – Vaccinazione

Epatite B – Vaccinazione

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Aggiornato a Agosto 2019

Presso il Servizio di Vaccinazioni Internazionali CESMET è disponibile il vaccino contro l’Epatite Virale tipo B , iniettivo. Prenota il tuo vaccino contro l’epatite Virale di Tipo B, e  viaggia tranquillamente in qualsiasi paese del mondo evitando il contagio attraverso sangue, ferite, ferri chirurgici se peer caso ti fai male e devi mettere un punto. In caso di rapporti sessuali con partner occasionali.

Per informazioni sui costi e per prenotare la vaccinazione è possibile mandare una mail ad ambulatorio@cesmet.com  oppure telefonare al numero 06.39030481 . Chiedi la consulenza con i medici infettivologi del centro per una maggiore conoscenza della vaccinazione e per conoscere la situazione sanitaria della destinazione del tuo viaggio. Proteggiti anche per i tuoi viaggi sul territorio Italiano e nei paesi del Mediterraneo.

La vaccinazione non è obbligatoria per regolamento internazionale dell’OMS. Nessun paese richiede prova di vaccinazione contro l’epatite virale quale condizione per entrare. Si consiglia la somministrazione del vaccino a tutti coloro che si recano in paesi iperendemici in particolare in paesi della fascia tropicale e subtropicale, dei paesi dell’Est Europeo, e del Bacino del Mediterraneo. E’ opportuno che tutti coloro che si recano per motivi di lavoro e per periodi prolungati effettuino la vaccinazione.

VACCINAZIONE

Composizione:
Il vaccino attualmente in uso, prodotto con tecniche di ingegneria genetica, è efficace e privo di rischi. E’ adsorbito ad alluminio idrossido gel.

Indicazioni:

E’ obbligatoria in Italia dal 1991 per tutti i nuovi nati e per gli adolescenti nel corso del 12° anno.

Il vaccino viene inoltre fornito ai soggetti delle seguenti categorie a rischio (D.M 4.10.1991):

  • Conviventi, in particolare bambini, e altre persone a contatto con soggetti HBsAg positivi.
  • Politrasfusi, emofilici, emodializzati.
  • Vittime di punture accidentali con aghi potenzialmente infetti.
  • Soggetti affetti da lesioni croniche eczematose e psoriasiche della cute delle mani.
  • Detenuti negli Istituti di prevenzione e pena.
  • Persone che si rechino all’estero, per motivi di lavoro, in aree geografiche ad alta endemia di HBV.
  • Tossicodipendenti, omosessuali e soggetti dediti alla prostituzione.
  • Personale sanitario di nuova assunzione nel SSN e personale già impegnato in attività a maggior rischio di contagio, segnatamente che lavori in reparti di emodialisi, rianimazione, oncologia, chirurgia generale e specialistica, ostetricia, malattie infettive, ematologia, laboratori di analisi, centri trasfusionali, sale operatorie, studi dentistici, medicina legale e sale autoptiche, pronto soccorso.
  • Soggetti che svolgono attività di lavoro, studio e volontariato nel settore della sanità.
  • Personale e ospiti di istituti ritardati mentali.
  • Personale religioso che svolge attività nell’ambito dell’assistenza sanitaria.
  • Personale addetto alla lavorazione degli emoderivati.
  • Personale della Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo degli agenti di custodia, Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, Comandi Municipali dei Vigili Urbani.
  • Addetti ai servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti.

Efficacia:
80-95%;

Durata:
10 anni

Modalità di somministrazione:
Viene somministrato per via i.m. nella parte antero-laterale della coscia del lattante, e nel deltoide al di sopra dei 10 anni.

Effetti collaterali:

  •  Locali: eritema, tumefazione, prurito, dolore in sede di iniezione (idrossido di alluminio), di lieve durata,
  • Generali: (circa 5%). Febbre, cefalea, nausea, vertigini, mialgie, dolori articolari, di breve durata.

Controindicazioni:
Oltre a quelle generiche vi è in particolare:

  •  L’ipersensibilità accertata verso i componenti del vaccino; Si può somministrare in gravidanza in caso di rischio alto.

Calendario:

  • Per i neonati:Prima dose 3° mese; Seconda  dose 5° mese; Terza dose 11° mese, sempre contemporaneamente alle altre vaccinazioni obbligatorie (OPV, DTP). Per i nati da madre HbsAg positiva è prevista oltre alle precedenti dosi una 1° dose alla nascita contemporaneamente alla somministrazione di Immunoglobuline in altra sede.
  • Per tutti gli altri soggetti: 1° dose tempo 0; 2° dose dopo un mese; 3° dose dopo 6-12 mesi. Un calendario abbreviato (1° dose tempo 0, 2° dose dopo 7 giorni, 3° dose dopo 21 giorni  e 4° dose 12 mesi dopo la prima dose) può essere usato nel caso sia necessaria una immunizzazione rapida (es. Viaggiatori).
error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e