it Italiano
it Italiano

Norvegia: focolaio di tossinfezione da Salmonella legato all’assunzione di anguria

Norvegia: focolaio di tossinfezione da Salmonella legato all’assunzione di anguria

La libreria del viaggiatore:
volumi consigliati

NORVEGIA: FOCOLAIO DI SALMONELLA LEGATO ALL’ASSUNZIONE DI ANGURIA
da redazione di NEWS DESK NewsDesk @bactiman63

23 agosto 2022

L’Istituto norvegese di sanità pubblica ha segnalato un’epidemia nazionale causata dal batterio gastrointestinale monofasico “Salmonella Typhimurium”. Finora l’infezione è stata rilevata ufficialmente in 18 persone, ma si sospettano altri casi non denunciati.

L’indagine epidemiologica eseguita sul focolaio mostra che tutte le 13 persone intervistate finora hanno mangiato anguria negli ultimi giorni prima di ammalarsi.

L’Autorità norvegese per la sicurezza alimentare ritiene altamente improbabile che le angurie associate all’epidemia siano ancora in commercio. L’anguria intera ha una durata di conservazione relativamente lunga, di 3-4 settimane. La maggior parte delle persone si è ammalata nel periodo compreso tra la fine di giugno e la metà di luglio 2022.

I batteri possono rimanere nella buccia dei meloni e delle angurie e quando si spaccano possono entrare nella polpa e moltiplicarsi lì.

“Per ridurre il rischio di infezione, è necessario seguire i consigli dell’Autorità norvegese per la sicurezza alimentare sulla manipolazione sicura dei meloni e delle angurie”, afferma il ricercatore senior Umaer Naseer dell’Istituto di sanità pubblica.

Il Consiglio è:

  • Non utilizzare meloni con la buccia danneggiata che va a finire nella polpa.
  • Lavare bene il melone e asciugarlo con della carta prima di tagliarlo a pezzi.
  • Lavare accuratamente le mani e l’attrezzatura con acqua e sapone dopo aver maneggiato il melone.
  • Il melone tagliato a fette deve essere conservato al fresco

Le persone coinvolte nel focolaio hanno un’età compresa tra 1 e 87 anni e 10 sono uomini. Vivono in 6 contee diverse: Møre e Romsdal (6), Vestland (6), Trøndelag (2), Rogaland (1), Troms e Finnmark (2) e Innlandet (1).  8 di loro sono stati ricoverati in ospedale. In tutte le persone infette sono stati rilevati batteri con lo stesso profilo genetico.
Delle 13 persone intervistate finora, tutte hanno dichiarato di aver mangiato anguria acquistata in vari negozi di alimentari. Il monitoraggio dei prodotti sospetti viene effettuato costantemente.

L’indagine sul focolaio è frutto di una stretta collaborazione tra l’Istituto norvegese di sanità pubblica, l’Autorità norvegese per la sicurezza alimentare, l’Istituto veterinario e i sovrintendenti comunali dei comuni interessati.
È troppo presto per dire se l’epidemia è finita. Stiamo seguendo la situazione da vicino”, afferma il ricercatore senior Umaer Naseer dell’Istituto di sanità pubblica.

La contaminazione delle verdure e dei frutti da acque reflue contaminate è un evento non infrequente. La Salmonella Thiphymurium è uno degli agenti patogeni più pericolosi, ma anche molto diffusi.

Essenziale osservare le misure di igiene.

Ultimi articoli pubblicati nel blog Ultim'ora

Le zanzare geneticamente modificate per fermare le malattie superano i primi test. di Lisa Rapaport da: medscape.com Le zanzare geneticamente modificate rilasciate …

I giochi con esercizi fisici usando la realtà virtuale potrebbero offrire speranza per ritardare la demenza La ricerca suggerisce che i giochi …

Houston Methodist entra nel metaverso con il lancio della nuova app MITIEverse™ La piattaforma basata sulla realtà virtuale porta l’educazione medica a …

uno dei mammiferi più primitivi mai vissuti

Rivelando il genoma dell’antenato comune di tutti i mammiferi di Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research (IZW) Leggiamo e riportiamo (traduzione automatica) …

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e