Influenza in Italia

Influenza in Italia

Trovi interessante questa pagina?

Trovi interessante questa pagina?

Condividila:

Condividila:

Influenza in Italia.  I dati aggiornati di una epidemia respiratoria acuta al suo picco massimo. 

Le statistiche dell’epidemia del virus influenzale: B/Colorado e A/Kansas, e H3N2 e H1N1 del 2019/2020, vengono suddivise per settimane ad iniziare dal mese di ottobre. Attualmente è terminata la 6a settimana del 2020 ed il numero di casi di sindrome influenzale inizia lentamente a diminuire dopo aver raggiunto il picco stagionale nella precedente settimana, la 5a del 2020. Il livello di incidenza della malattia è stato di 13,0 casi per mille assistiti. Il livello di incidenza raggiunto in questo periodo si colloca all’interno della soglia di intensità media prevista, rapportandolo alla situazione degli ultimi decenni.
Il valore dell’incidenza totale in Italia è pari a 12,6 casi per mille assistiti e ad essere colpiti sono maggiormente i bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un’incidenza pari a 38,3 casi per mille assistiti.
Il numero di casi in questa settimana, lunedì 10 – domenica 16 di febbraio, è stato di circa 763.000 individui, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 5.018.000 casi.
Le regioni più colpite sono Val D’Aosta, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise e Basilicata.
Di seguito un riepilogo degli indicatori disponibili:
Casi gravi: alla 6a settimana del 2020 della sorveglianza sono stati segnalati 98 casi gravi di cui 19 deceduti.
Mortalità: durante la 5a settimana del 2020 la mortalità (totale) è stata lievemente inferiore al dato atteso, con una media giornaliera di 218 decessi rispetto ai 237 attesi.
InfluWeb: durante la 6a settimana del 2020, circa il 69% dei casi di sindrome riferisce di non essere stato visitato da un medico del Servizio Sanitario Nazionale ma di aver avuto una sindrome simil-influenzale.
InfluNet-Epi: nella 6a settimana del 2020 l’incidenza totale è pari a circa il 12,6 casi per mille assistiti.
InfluNet-Vir: durante la settimana 06/2020 di sorveglianza virologica, rimangono prevalenti i virus di tipo A (68,5%), in particolare appartenenti al sottotipo A(H3N2).

Ricordiamo che la vaccinazione rimane il principale strumento di prevenzione dell’influenza.

Editor: Erika Villa infermiera Cesmet esperta in prevenzione e profilassi vaccinale
Direzione scientifica dr. Paolo Meo

Commenti.
Si conferma che il “mese di Febbraio” rappresenta mediamente il mese di maggior incidenza della malattia. La mortalità sul territorio italiano si mantiene mediamente intorno ai “200/250 casi giorno” sul totale dei casi manifestatesi nel paese. Numeri poco conosciuti ma che fanno impressione.
Questi dati ci portano in evidenza la pericolosità di una malattia infettiva respiratoria, con cui conviviamo fin dalla nascita, ma che rappresenta da sempre una delle forme più pericolose, soprattutto per le categorie immunologicamente più deboli quali bambini, anziani e malati cronici.
La “vaccinazione antinfluenzale” rappresenta l’unica forma preventiva efficace nei confronti della malattia.
È fondamentale ricordare che la vaccinazione rimane il principale strumento di prevenzione nei confronti dell’influenza. Inoltre, per ridurre al massimo la trasmissione del virus dell’influenza, è importante mettere in atto anche misure di protezione personali (non farmacologiche) tra cui:
il lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici), fatto in modo razionale, senza esagerare.
Una buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani); effettuare un isolamento volontario a casa, ossia rimanere riguardati a casa, in presenza di sintomi respiratori febbrili specie nella fase iniziale; eventuale uso di mascherine, in presenza di sintomi quale starnuti e tosse, in ambienti chiusi ed affollati ed in particolare in ambienti sanitari come ospedali.
Con questi sistemi si contribuisce a limitare la diffusione del virus e della malattia influenzale.
Fonti ufficiali sulla epidemia influenzale in Italia:
Epicentro ;   Iss Influnet

error: Il contenuto di questo sito è protetto!
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e
C e s m e t . c o m C l i n i c a d e l V i a g g i a t o r e